Pasqui invita il premier Gentiloni ad un incontro con sindaci territorio

18 Nov 2017
1684 volte

Dopo la richiesta di un confronto con il commissario straordinario alla ricostruzione, Paola De Micheli, il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, come già precedentemente annunciato in occasione della sua presenza a Camerino, ha invitato anche a nome dei sindaci del territorio il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, ad un incontro per confrontarsi sulle criticità e la necessità di interventi che, ad oltre un anno dal devastante sisma che ha distrutto il Centro Italia, appaiono improcrastinabili e non sono ancora state mitigate dai pur numerosi interventi messi in atto dal Governo. “Ho avuto il piacere di accoglierla a Camerino, da ultimo all’inaugurazione del 682° anno accademico della nostra prestigiosa Università,- scrive Pasqui- ed in quell’occasione, ho apprezzato il Suo intervento. Si è ben compresa dalle Sue parole la vicinanza del Governo, l’ammirazione per le bellezze e le opportunità che il territorio offre, per la ricchezza che esprime, ricchezza patrimonio inestimabile della nostra Italia e che un uomo di questa terra ben conosce. Ho letto nelle sue parole anche la consapevolezza di quanto l’evento sismico abbia stravolto ed azzerato il tessuto economico – sociale di molti luoghi, tra i quali quello che rappresento, e della necessità di fare ancora e fare di più, e meglio. Sono fiducioso, assieme agli altri colleghi Sindaci, che vorrà fissare, compatibilmente con gli impegni di Governo, un incontro”.

Terremoto: ritardi a Camerino. Pasqui "chiama" il commissario De Micheli

17 Nov 2017
488 volte

Nel momento forse più difficile della storia di Camerino, con una città "bloccata" nella sua ricostruzione post terremoto, il sindaco Gianluca Pasqui, che di recente è intervenuto anche alla Camera dei Deputati pronunciando un discorso che è stato criticato dall'opposizione, ha inviato una lettera al commissario straordinario alla ricostruzione, Paola De Micheli, attraverso la quale ha richiesto un incontro per confrontarsi sulle varie situazioni in essere, con particolare riferimento al nuovo Carcere cittadino, alla Caserma della Compagnia dei Carabinieri e a criticità emerse con le nuove normative. 

 

La visita del Commissario De Micheli a Camerino

visita de micheli camerino

“Sento la necessità ed il dovere di rappresentarLe personalmente le enormi difficoltà che dopo un anno non sono ancora state mitigate dai pur numerosi interventi messi in atto dal Governo - si legge nella lettera - Ho avuto il piacere di accoglierla a Camerino e di apprezzare la Sua grande volontà di capire le realtà di questo territorio martoriato ed individuare le soluzioni. Grazie al suo intervento, è palpabile la vicinanza del Governo, ma sono certo che è Sua convinzione che ci sia l’urgente necessità di fare ancora, fare di più e meglio. Le assicuro che molti sono i temi da trattare ed in particolare appare necessario affrontare quelle situazioni non considerate dalla normativa speciale e che a Camerino – città di servizi erogati ad un territorio molto più ampio e pari alla metà della Provincia – sono molte e diversificate”. 

I danni provocati all'edificio dell'ex tribunale

 

danni tribunale

 

Momenti dell'incontro a Camerino tra il sindaco Pasqui e il Commissario De Micheli

 

visita de micheli camerino 1

Pieve Torina- Consegnate le chiavi delle 26 Sae dell'area La Serra.

17 Nov 2017
18044 volte

Nuovi segnali di crescita verso la riunione della comunità di Pieve Torina. Il sindaco Alessandro Gentilucci, il senatore Mario Morgoni e l'assessore regionale Sciapichetti hanno consegnato le chiavi delle ulteriori 26 casette dell'area La Serra. La prima a riceverle è stata la piccola Eva, la cui famiglia insieme ad altri 25 nuclei,  potrà da oggi far ritorno nel paese d'origine. Gran parte dei destinatari delle soluzioni abitative provvisorie, finora ha vissuto da ospite nelle strutture ricettive della costa. Con la consegna avvenuta stamani, salgono a 135 i nuclei famigliari ricostituiti nel comune che, con il 93 per cento delle inagibilità immobiliari, è uno tra i più colpiti del cratere. Emozionati e felici i pievetorinesi in attesa di entrare in quelle che a tutti gli effeti sono delle vere case.

IMG 20171117 120916431 1

IMG 20171117 124212196

 

Il senatore Morgoni ha voluto complimentarsi con il sindaco di Pieve Torina per la determinazione e la tempestività con cui l'amministrazione, con impegno quotidiano, sta cercando di dare risposte alle difficoltà dei cittadini. " Una situazione- ha detto Morgoni - che dovrà vedere per il futuro delle prospettive diverse, ed è per questo che stiamo lavorando in Parlamento, come è già stato fatto per il Decreto fiscale e come faremo per la Legge di bilancio, per la quale, con il lavoro collegiale di tutti i senatori delle Marche e dell'Umbria, sono stati presentati degli emendamenti.  Abbiamo contezza della difficoltà delle situazioni,  ma è vero che chiunque le semplifichi per ragioni di convenienza elettorale o finalità politica, fa il doppio errore di mettere in atto una cattiva politica e ingannare le persone. Le soluzioni non sono nè facili, nè a poirtata di mano; bisogna lavorarci ogni giorno ed è quello che, nel rapporto con amministratori, cittadini, realtà del mondo imprenditoriale, stiamo facendo per conoscere e cercare di tradurre anche in provvedimenti legislativ,i esigenze o eventuali correzioni per ciò che non funziona. Anche se non siamo fisicamente presenti nel quotidiano- ha aggiunto- siamo sempre al vostro fianco; il nostro è un lavoro che si svolge in Parlamento e nelle Commissioni dove stiamo cercando di portare avanti un lavoro proficuo, con la prospettiva di superare le situazioni ancora aperte di emergenza e guardare ad un futuro dove si riesca a ricostruire, non tanto quello che esisteva ma uno scenario nuovo, di rinascita e rilancio per questi territori. Io credo che ce ne siano le condizioni, in termini di risorse, di idee e, in termini anche di qualità degli amministratori che si sono presi carico di queste zone, in un momento drammatico.  Se lavoriamo insieme, con senso di responsabilità, con serietà, con concretezza, credo che si possa guardare al futuro con maggiore fiducia. E un momento che guarda al futuro è la consegna materiale delle casette che garantisce ai cittadini una sistemazione più adeguata, riportandoli a ritrovare il loro senso di comunità. Vi auguro- ha concluso Morgoni - di guardare al futuro con maggiore fiducia, contando su istituzioni che ogni giorno cercano di essere dalla vostra parte e sempre disposte ad ascoltare e capire i vostri problemi per cercare per quel che è possibile di risolverli". 

IMG 20171117 125243914

Dall'assessore regionale con delega alla Protezione civile Angelo Sciapichetti, un ringraziamento personale e a nome dell'amministrazione regionale al primo cittadino di Pieve Torina, per la forza di volontà  e la determinazione della sua squadra nell'affrontare le difficoltà, con dignità, coraggio e pazienza esemplari. Soddisfazione è stata espressa al momento della consegna delle chiavi di casa alle famigliè : " Oggi è un altro piccolo passo verso l'obiettivo che tutti noi ci siamo posti: far tornare il prima possibile i cittadini nei comuni e nelle frazioni di residenza. Sappiamo che questo era un territorio già fortemente a rischio spopolazione prima, e il sisma ha aggravato ancora di più il fenomeno Da questa disgrazia  - ha sottolineato Sciapichetti- dobbiamo cogliere l'opportunità per invertire la tendenza riportando persone e creando qui delle occasioni di lavoro, di sviluppo e, soprattutto per i giovani, la possibilità di restarci ed essere occupati. Questa è la sfida per il futuro; adesso l'altro obiettivo da centrare a tutti costi è ultimare la consegna delle Sae che, qui a Pieve Torina, ci auguriamo avvenga per Natale. Altro impegno importante, assolutamente da assolvere tutti insieme, quello di  cercare di semplificare le norme per quel che concerne la ricostruzione leggera, in modo da cominciare a rimettere a posto edifici e far tornare altri cittadini".   

IMG 20171117 123535323 L'assessore Ciuffetti, il senatore Morgoni, l'assessore regionale Sciapichetti e il sindaco Gentilucci

" Ogni consegna delle chiavi di casa ai cittadini è motivo di orgoglio- ha detto Gentilucci- Siamo felici perchè rivediamo quei volti che eravamo soliti incontrare tutti i giorni per il paese e che, da tanto tempo, non avevamo più visto. E' il momento della riunione di una comunità; il paese riprende la sua vita dopo un 'bombardamento'e noi abbiamo la voglia e la forza di ripartire e di ricominciare. Adesso- ha continuato  il sindaco-  sta ad ognuno di voi. Con i due terzi delle casette consegnate, la parte della struttura abitativa emergenziale è ormai in dirittura d'arrivo. Non dobbiamo tuttavia disperdere l'impulso che è stato dato per ricostruire la comunità; adesso è importante la presentazione dei progetti, perchè quella delle Sae è, e deve rimanere una soluzione 'ponte'. La nostra proiezione deve andare in un'ottica di ricostruzione; attraverso le demolizioni e le poche messe in sicurezza, noi ci stiamo prodigando per mettere i cittadini nelle condizioni di ricostruire molto velocemente. Prendiamo lo spunto e la forza di voler andare avanti con ancora più tenacia e di voler rientrare quanto prima nelle nostre abitazioni- ha concluso Gentilucci- Solo allora ricomincierà la vita della nuova Pieve Torina, proiettata  verso il futuro". 

eva  

 

IMG 20171117 121325004 1    

 

Teresa De Sio porta a Camerino una carica di energia

16 Nov 2017
2720 volte

Conclusione potente e vigorosa per la rassegna Sibillini Live a Camerino. Passionale, travolgente e  viscerale la performance di Teresa De Sio, 'brigantessa' sul palco dell’auditorium Benedetto XIII con i tre eccezionali musicisti Sasà Flauto chitarre, Pasquale Angelini batteria, Vittorio Longobardo basso. Energia solare e calore del sud hanno pervaso la sala dall’inizio alla fine del concerto, entusiasmando e infervorando il numeroso pubblico. A dare il benvenuto in città alla cantautrice e scrittrice  partenopea poco prima del concerto, il rettore di Unicam Claudio Pettinari e i presidenti  di Musicamdo Daniele Massimi e di Arci Marche Massimiliano Bianchini. Nel ringraziare Teresa De Sio per essersi generosamente prestata a partecipare alla rassegna di musica e teatro migrante, il rettore ha voluto farle dono della t-shirt diventata simbolo della comunità universitaria.

IMG 20171115 182859896

IMG 20171115 183856572

Di lì a poco si è materializzato in tutta la sua forza contagiosa, l’undicesimo appuntamento di Sibillini Live i cui spettacoli dal vivo, hanno attraversato 11 diversi paesi, coinvolgendo ovunque le comunità locali e le tante persone che volontariamente hanno contribuito al progetto, la cui idea di fondo, è stata quella di restituire momenti di aggregazione, grazie alla sentita partecipazione degli artisti

IMG 20171115 224810293

Un invito ad andare oltre le difficoltà dagli stessi organizzatori, felici di aver trovato tanti amici, venuti col cuore in mano a portare la loro solidarietà e un forte senso di unione.

Il resto lo ha fatto il messaggio della musica e il sorprendente mix di energia solare e calore mediterraneo che la cantautrice napoletana e il suo eccezionale Power Trio, sono riusciti a trasmettere per tutto lo spettacolo. Una gioiosa successione di brani folk, pulsioni rock, ritmi incalzanti ma anche dolci melodie, hanno lasciato un bellissimo segno. Dolcezza, forza, energia vitale, da leggere in ogni corda di quell'artista strepitosa che è Teresa De Sio, legata alla sua terra madre con autentica passione. Serata davvero da incorniciare, ricca di sentimento e di stimolanti messaggi.

Carla Campetella     

IMG 20171115 235202

Fine settimana con Paint red zone- Per raccontare con i colori la città di Camerino.

16 Nov 2017
591 volte
Con un colpo di pennello racconta la tua città, scartenando la tua fantasia: è' l'invito di  Paint Red Zone, evento proposto dall'associazione IoNonCrollo, è un'estemporanea di pittura per raccontare con i colori la città di Camerino. I pannelli verranno dipinti nella geostruttura del City Park il 17 e il 18 novembre nel pomeriggio e poi verranno affissi negli ingressi chiusi della città per dare un tocco di colore e personalità alla nostra zona rossa. L'evento è rivolto in particolare alle scuole, per tenere vicini i giovani alla città e per renderli protagonisti anche della città del futuro. Sono invitate anche le associazioni e tutti i cittadini che vogliono partecipare come singoli o come gruppo. Sono 5 le location scelte per l'affissione dei pannelli: Santa Maria in Via, San Venanzio, Pincetto, Via Roma, Tempo dell'Annunziata. E' una bella iniziativa di RESILIENZA, trasformare la zona rossa in opportunità per esprimere la vicinanza alla città e per rendere tutti partecipi del suo abbellimento, e verranno premiate le più belle realizzazioni delle due categorie, scuola e associaioni/cittadini.
 

 

Tapanelli: "Il sindaco di Camerino soffre della sindrome di Calimero"

15 Nov 2017
51 volte

Mi collego sul sito della Rai e vado alla ricerca del canale dedicato alle trasmissioni parlamentari. Trovo il video che fa al caso mio e mi metto comodo, aspettando con una certa trepidazione, e con sano ottimismo, l’intervento del mio sindaco Gianluca Pasqui all’incontro, Le città del futuro, tenutosi presso l’emiciclo di Montecitorio. Una sorta di rendez-vous annuale, tra circa seicento sindaci, in cui si mettono sul tavolo istituzionale della Presidenza della Camera dei Deputati le migliori best practice che i comuni italiani cercano di portare avanti. Attendevo, come dicevo, con positiva agitazione la relazione del sindaco di Camerino perché auspicavo, probabilmente con una ingenuità che non dovrebbe più appartenermi dopo anni di politica, una seria denuncia delle inefficienze politiche ed amministrative che caratterizzano l’attuale cratere sismico, accompagnata da una circostanziata proposta di rilancio del territorio.

Invece, da consigliere comunale di Camerino, mi sono travato costretto a constatare che non è stato affrontato nessuno dei due punti essenziali citati. Non solo il passaggio sulla burocrazia asfissiante è stato indolore, quasi di contorno, ma, cosa ben più grave, non è stata spesa neanche mezza parola sul territorio maceratese devastato dal terremoto. Forse, come sindaco di Camerino, la sua attenzione è rimasta focalizzata sulla sola città ducale. Sicuramente è una strategia che consentirà all’amico Gianluca di governare Camerino per altri cinque o sei lustri e, glielo auguro sinceramente, di fare anche un salto di qualità politico verso cariche più blasonate. Altrettanto certamente, però, questa politica di quartiere porterà alla definitiva débâcle di tutto un territorio montano che non può più tollerare egocentrismi politici ed isolamenti campanilistici. Mors tua vita mea, oggi, si sta trasformando in un Titanic dove nessuno riuscirà a trovare riparo sulle poche scialuppe alla deriva.

Avrei voluto sentire: “Sono il sindaco di Camerino, ma anche di Pieve Torina, di Visso, di Castelraimondo e di tutti comuni che oggi, qui, non possono parlare. Certo, non tutti i comuni hanno gli stessi danni e, quindi, gli stessi problemi, ma il nostro territorio è un territorio unito che necessità di aiuto. Il terremoto non ha fatto altro che acuire, velocizzandoli, i mali, e i relativi processi di spopolamento e di spoliazione di servizi, che da anni attanagliano i nostri comuni. Mi sono confrontato con i colleghi sindaci terremotati e oggi, in questa sede, vorrei chiedere investimenti seri sul terziario avanzato, sul turismo, sulla cultura e sulle tecnologie dell’innovazione. Abbiamo l’Università di Camerino, non del Comune di Camerino, che da anni lavora in questa direzione e anche noi, con il vostro aiuto, vogliamo seguirla. Camerino da solo non ce la farà e per questo, oggi, indosso la fascia di sindaco dell’entroterra maceratese. Ill.mo Presidente, mi permetto di proporre una correzione al titolo di questa bellissima iniziativa: non più Le città del futuro ma I territori del futuro”. Applausi a scena aperta. Politicamente inattaccabile. Con ovvia necessità, poi, di perseguire quella linea anche a livello regionale e nazionale.

 

calimero

Invece ho assistito al solito piagnisteo avente ad oggetto, tra le altre cose, il carcere, il centro storico più grande del cratere e Camerino come centro di riferimento (come sempre, per grazia ricevuta). La declamazione, ormai proverbiale, della litania della sindrome di Calimero che dovrebbe far risorgere Camerino come capitale amministrativa di un territorio che, all'opposto, seguirà inevitabilmente logiche policentriche e di territorio. La nostra realtà dell’entroterra non dovrebbe avere più confini amministrativi, mentre invece, costantemente, si scontra con politiche da condomino che tentano pietosamente di far leva sui vecchi fasti di una nobiltà decaduta. Politiche pericolose e dannose, fatte sicuramente in buona fede, ma che devono essere stigmatizzate per il bene delle prossime generazioni.

Mi dispiace, perché per il futuro riecheggia nella mia mente solo ‘A livella di Antonio de Curtis. Sono anni che i comuni vicini ci dicono: “Ma chi te cride d’essere, nu ddio? Cca dinto, ‘o vvuò capì ca simmo eguale? Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io, ognuno comme a n’ato è tale e qquale. ‘A morte ‘o ssaje ched’è? E’ ‘na livella.”

Il fatto che il paziente sia stabilizzato, come ha detto in aula il Sindaco, non corrisponde al vero e, se continuiamo così, ‘A livella di Totò sarà l’inevitabile profezia per il nostro territorio.

Pietro Tapanelli – consigliere comunale di Camerino  

Presentato ad Unicam " Centro Italia Reload" bando per nuove cooperative nel cratere del sisma

15 Nov 2017
703 volte

 Nuove cooperative per far ripartire l’Italia centrale colpita dal sisma. Legacoop  Marche e Generazioni Marche hanno presentato all’università di Camerino il bando “Centro Italia Reload” che utilizza 235 mila euro raccolti tra le associate, per sostenere la nascita di nuove cooperative ‘ordinarie’ e di comunità. Il bando è riservato a nuove imprese nei 140 comuni inseriti nel cratere sismico dell’Italia centrale, di cui 87 nelle Marche e vuole sostenere progetti cooperativi per turismo, cultura, eccellenze agroalimentari e servizi.

Due le sezioni che lo costituiscono. La prima potrà contare su 100 mila euro ed è dedicata alla nascita di nuove cooperative di comunità ovvero imprese costituite da cittadini e altri attori locali per il miglioramento della qualità della vita e l’interesse generale della collettività. I progetti selezionati beneficeranno di formazione e accompagnamento, oltre ad un contributo economico fino a 25 mila euro.

La seconda sezione è dedicata invece a nuove imprese cooperative. A disposizione ci sono 135 mila euro. Tra le proposte pervenute e valutate ammissibili, saranno selezionati progetti che beneficeranno di attività di formazione e accompagnamento della cooperativa, oltre al contributo economico fino a 10 mila euro per ciascuna cooperativa. Il bando si rivolge alle imprese cooperative da costituire o costituite dal 25 agosto 2016 con sede legale in uno dei 140 comuni del cratere sismico tra Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio.

“ E’ un’iniziativa che accogliamo con gioia e per la quale ci mettiamo a disposizione – ha detto il rettore Claudio Pettinari . Condividiamo gli obiettivi alla base di questo bando, in quanto si integrano perfettamente con gli stessi obiettivi di Unicam e con le attività che l’università sta portando avanti. Il nostro è un ateneo che si è aperto al territorio e che accanto alla didattica e alla ricerca è attenta alla terza missione. Consideriamo importante e positivo un bando che miri alla valorizzazione delle eccellenze di un territorio che si ritrova ad essere fortemente danneggiato e anche in quegli edifici dove si svolgevano attività ricreative, culturali, artistiche. Unicam ha già attivato e innescato la creazione di start up d’impresa e iniziative d’imprenditorialità giovanile, guardando con attenzione gli ambiti della musica, dello sport, della pittura e scultura e delle altre forme d’arte e cultura. Ci mettiamo dunque a disposizione di Legacoop e Generazioni anche per immaginare un cammino che possa andare aldilà dell’attuale bando, immaginando un a proficua collaborazione per futuri percorsi costruttivi”.

Ad accogliere positivamente la possibile relazione con l’università anche Mirco Menghini di Genererazioni, Marche,( coordinamento giovanile di promozione della cooperazione  all’interno della Lega nazionale delle Cooperative) “Ci fa particolarmente piacere che ciò avvenga con Unicam, direttamente colpita dagli eventi del 2016. Da qui può partire uno scambio interessante tra le nostre conoscenze e i giovani studenti universitari che, una volta terminati gli studi, si affacceranno al mondo del lavoro: Grazie al bando avranno anche l’opportunità di sviluppare le proprie competenze mettendole sotto forma cooperativa. Da parte nostra siamo a disposizione per  accompagnare e seguire la prima fase di Startup”.

“ In seguito all’evento drammatico che ha colpito il centro Italia- ha spiegato Massimo Lanzavecchia-, Legacoop ha chiesto a tutte le associate di dare un contributo per essere d’aiuto alle popolazioni. E’ così che si è potuto attivare il fondo nazionale di solidarietà con cui, inizialmente, si è potuto aiutare tre cooperative direttamente danneggiate. Con i 235 mila euro abbiamo pensato che sarebbe stato utile dare un aiuto a ricostruire il tessuto economico e sociale del territorio colpito. Nostra vocazione è sostenere e tutelare le imprese cooperative e il nostro dna si sostanzia proprio nel far cooperare le persone e le imprese, in quanto riteniamo che sia uno dei fattori di sviluppo del territorio. Il fondo è proprio finalizzato a questo e al tentativo di far nascere imprese, che mettano insieme giovani e persone di tutte le età che esprimano un’attitudine particolare a poter intervenire in un territorio, sviluppandone le potenzialità e trasformandole in reddito. Se le persone tornano nei territori, se riescono ad organizzare attività produttive, e, a loro volta ad innescare il ritorno di altre persone che usufruiscono di imprese che in queste zone nuovamente si insediano, ecco che si ricrea un tessuto sociale. Il bando finanzia sostanzialmente due tipologie di cooperative: la prima è quella generalmente conosciuta dell’impresa cooperativa (privilegiando i settori della cultura, turismo, agroalimentare, ambiente e servizi)

 L’altra sezione è dedicata alle cd Cooperative di comunità che, dal nostro punto di vista, sono quelle che potrebbero avere maggiore opportunità per sostenere la crescita di territori di aree interne, più disagiate anche sul fronte dell’occupazione. Le cooperative di comunità possono mettere insieme diversi soggetti attori; giovani lavoratori, imprese di qualsiasi settore, semplici cittadini che interagiscono per usufruire di un servizio che magari in questo periodo si è perso e va ricostituito. Quella di comunità  in sostanza è una tipologia mista di cooperativa, che  riteniamo possa avere una possibilità concreta di sviluppo. Come Legacoop- ha precisato Lanzavecchia- noi ci proponiamo sia con il fondo che finanzierà le imprese cooperative che nasceranno, sia come bagaglio di conoscenze che abbiamo per accompagnarne la costituzione e il primo periodo di attività. Proponendoci dunque come una sorta di piattaforma, fornendo il know how  di competenze- ha aggiunto- l’appello che facciamo è ai soggetti attori principali che debbono cooperare, cioè a chi è interessato ad un lavoro o ad una cooperazione da imprenditore, a chi è interessato a promuovere i propri prodotti agroalimentari o gastronomici di qualsiasi genere. Noi li aiutiamo fornendo le competenze per l’impianto iniziale e per far funzionare la cooperativa, possibilmente anche in collaborazione con l’università. ”

Il bando si chiuderà il 31 dicembre per le nuove cooperative e il 31 gennaio 2018 per le cooperative di comunità. Le proposte saranno valutate per valore imprenditoriale, impatto sul territorio e capacità di fare rete, sviluppo e creazione di lavoro, innovazione tecnologica. Entro il 30 gennaio 2018 la Commissione di valutazione selezionerà i progetti vincitori della sezione “Nuove imprese cooperative”, entro il 28 febbraio 2018 i 4 progetti tra le “Cooperative di Comunità”.
 
 
 

Camerino- Il presidente nazionale Boccia all'assemblea generale di Confindustria Macerata

14 Nov 2017
3733 volte

Sala gremita per l’assemblea generale di Confindustria Macerata all’auditorium Benedetto XIII di Camerino, con la presenza del Presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia.

Strategie, progetti, programmi di sviluppo del territorio maceratese colpito dal sisma” al centro dell’incontro con l’obiettivo di guardare avanti con un’ottica di prospettiva e di rilancio economico. Un momento di confronto tra mondo dell’imprenditoria, delle istituzioni, sindacale, accademico, voluto da Confindustria Macerata a Camerino. In apertura i saluti del sindaco Pasqui: “ Da più di un anno la nostra è una quotidianità di trincea. Una situazione che richiede l’impegno di tutti, per cercare di restituire ai nostri figli quello che i padri ci hanno donato. E’ necessario fare squadra ma, centrare anche tutte le problematiche che oggi impediscono di fare un percorso che possa restituire dignità alle persone. E’ ormai necessario un tavolo di lavoro che consenta di migliorare il migliorabile. La realtà è ancora quella della fase emergenziale e, per ottenere obiettivi, il sistema va rivisto, lavorando nei tavoli istituzionali”.

Le sfide da affrontare in un mercato in continua evoluzione, approfondite dal presidente di Confindustria Macerata Pesarini, che ha delineato possibili linee strategiche per tornare ad essere competitivi. “Anni difficili anche prima del sisma, ciò nonostante non ci siamo persi d’animo e con dinamismo e attaccamento al territorio, ne siamo usciti più forti, più innovativi e competitivi. E’ da queste valutazioni che dobbiamo partire per proseguire nel futuro prossimo, su traiettorie di crescita, di sviluppo e di progresso economico, ripartendo dalla centralità del manifatturiero sostenibile, quale settore strategico e motore pulsante dell’economia provinciale”.

 “Ricostruire com’era dov’era’ o ‘come sarà’, al centro dell’intervento di Aldo Bonomi di Aaster, secondo il quale il successo dell’esperienza post sisma del Friuli, è dipeso dalla capacità di tenere assieme il ragionare sulla ricostruzione e l’avere un’idea di modello di sviluppo in avanti.  “L’interrogativo per noi, è capire se a fronte del trauma del sisma, basti avere in mente di riprodurre il meccanismo precedente del capitalismo dolce marchigiano (che tiene assieme dimensione del territorio agricolo in evoluzione, e, industrializzazione) o, se invece non sia meglio andare verso un ragionamento che imposti una sfida della ricostruzione che vada di pari passo con un cambiamento di modello di sviluppo“.

Citando il filosofo Benjamin, il presidente di Istao Marcolini ha rilevato che “quando il sapere storico più profondo si incrocia con le prospettive del futuro, il passato potrebbe unirsi in maniera fulminante con l’adesso, e, dare origine a un’ immagine ricca di futuro”. Necessaria una visione, un patto per lo sviluppo economico sociale, in grado di definire gerarchia degli impegni e concentrazione degli sforzi” ,e, “di fronte ad una emergenza così grande, approntare un piano di Area Vasta e un coordinamento degli interventi”.

Nella tavola rotonda successiva il presidente Ceriscioli è tornato ad assicurare risorse abbondanti, in grado di rappresentare una leva straordinaria in termini di opportunità e di sviluppo. “Per ricostruire un sistema in grado di mettere in moto occupazione, la parte più difficile della partita, è ricollocare questi elementi in una visione strategica altro fattore che merita profonda riflessione, quello dei tempi che, per quanto ci si sforzi di cercare semplificazioni, gioca sempre a nostro sfavore. Riuscire a vincere anche la partita dei tempi, vorrà dire che quello sforzo importante fatto d’idee, riflessioni e risorse, potrà appieno dare risposte e trasformarsi in lavoro e sviluppo, in qualità della vita, per restituire al popolo straordinario dei marchigiani, tutta la serenità di cui c’è desiderio e necessità”.

Di disponibilità di risorse copiose ma non facilmente spendibili ha parlato il rettore di Unicam Pettinari: “Si corre spesso il rischio di non accettare un finanziamento perché è difficile da rendicontare, o, non si riesce a realizzare un intervento perché non si sta nei tempi o non è adeguato.Il problema principale è il lavoro. Per riportare persone nel territorio, si doveva, si deve e si dovrà pensare a portare lavoro”.

Dalla sua esperienza di sindacalista, il segretario di CGIL Taddei ha ricordato come, seppur con difficoltà personali, i lavoratori si siano avvicinati alle imprese, lottando per mantenere la produzione in tutte le maniere. “La forte tenacia che caratterizza la popolazione marchigiana, si rivela tuttavia insufficiente. I ritardi sono numerosi e ciò che sta rendendo difficile la situazione di lavoratori, cittadini, anziani e bambini, è il fatto che parliamo di ricostruzione in una fase d’emergenza e non abbiamo la possibilità di immaginare un futuro. Credo che l’Italia debba assolutamente dotarsi di una normativa per lo stato di calamità, perché non è possibile rapportarsi a situazioni d’emergenza con procedure ordinarie. Chiediamo una ‘governance’e la possibilità di immaginare un futuro per il nostro territorio, per riportare imprese e lavoro, e ricominciare a sognare”. 

Futuro legato alla necessità di fare squadra con creatività e responsabilità, anche nelle conclusioni del  presidente di Confindustria Boccia. “Camerino in questo, diventa un simbolo, non solo della questione post terremoto ma,soprattutto, nel collegamento giovani, università e futuro. Credo che il messaggio sia che sta a noi in questo presente, ricostruire il futuro con sensibilità nella questione temporale, sentendoci parte di una comunità e cittadini europei di nazionalità italiana, ritornando a quello spirito del dopoguerra, che significa passare dagli interessi, alle esigenze del Paese per una ricostruzione economica e fisica. Abbiamo voluto un protocollo con l’università di Camerino- ha ricordato - con l’intenzione di dare un messaggio di fiducia, che è una categoria della ragione. Dobbiamo avere fiducia perché ragioniamo e dunque, il filo rosso della giornata, è la necessità di collaborare. Quella che si pone è un’idea di metodo diverso; fare insieme, significa collaborare nell’interesse del Paese, sentirsi parte di una comunità in un percorso in cui non c’è da esaltarsi nelle vittorie, né abbattersi nelle sconfitte, c’è solo da guardare avanti e dare una visione al Paese. L’economia globale è fatta di mercati di nicchia che sono quelli italiani, e, in quello spirito del dopoguerra dove c’erano solo macerie, i nostri nonni hanno fatto grande il Paese. A differenza di oggi, c’era certezza del futuro, c’era una visione. Non possiamo fare solo tattiche, dobbiamo iniziare a fare strategie, condividere la visione comune di dare certezza al futuro. La sintesi efficace è venuta da una citazione: “ Se nella vita vuoi compiere grandi passi, non devi solo sognare ma anche pianificare; non solo agire ma, innanzitutto, credere”. 

Il sindaco Pasqui a Montecitorio " Rigenerazione. Vogliamo vivere, non sopravvivere"

13 Nov 2017
8586 volte

Un confronto sulle sfide del presente e quelle del futuro tra i sindaci delle regioni italiane, nel corso dell’incontro a Montecitorio “Le città del futuro”, cui hanno preso parte circa 600 sindaci, ospiti della Camera dei Deputati e della presidente Laura Boldrini.  Guidata dal presidente dell’Anci Antonio Decaro, sfilata di fasce tricolori sugli scranni, a ridosso della legge di bilancio. Ricca la delegazione marchigiana guidata dal Presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi e dal direttore Marcello Bedeschi. In apertura la presidente della Camera Boldrini ha definito i sindaci avamposto delle istituzioni sul territorio, sottolineando la necessità di sviluppare sul Paese una maggiore coesione sociale per vincere le sfide ed uscire dalla crisi; da parte dei tanti amministratori è partito poi uno scambio di esperienze e di progetti, alcuni già in itinere, altri in via di realizzazione, per una più efficiente amministrazione e per la salute ed il benessere dei cittadini. Certezza delle risorse nell’offrire garanzie ai cittadini nelle richieste sottolineate dai vari interventi che si sono succeduti.

Pasqui CameraDeputati

Rigenerazione” al centro della relazione del sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, intervenuto nella qualità di coordinatore della cabina di regia Anci per la ricostruzione post sisma. A Montecitorio, il primo cittadino ha inteso farsi portavoce dei sindaci del cratere sismico, portando l’attenzione sugli ostacoli della burocrazia, contro i quali gli amministratori si sono dovuti scontrare quotidianamente. “ Vogliamo vivere- ha detto Pasqui-  e per questo occorre  un’operazione assolutamente più ampia che possa trasformare una tragedia, in possibilità di liberare opportunità. Rigenerare significa innanzitutto parlare di futuro come valore, per evitare quel piccolo cabotaggio di lungo costa che spesso rappresenta la via più semplice. Noi non chiediamo di sopravvivere. Noi chiediamo di essere messi nelle condizioni di poter ri-vivere ed è in questa direzione che abbiamo lavorato per tutto l’anno, anche grazie alle istituzioni che comunque ci sono sempre state vicine”. Sfollati, case distrutte, attività economiche in difficoltà, associazioni senza sede: il sindaco ha elencato i tristi numeri di una guerra che a Camerino ha significato anche perdere il carcere.

Nonostante tutto, non siamo stati fermi e spesso con le nostre sole forze ci siamo garantiti il presente, perchè è il presupposto fondamentale per costruire il futuro. Abbiamo stabilizzato il paziente e cercato di garantirgli parametri vitali, mantenendo pressoché tutto, ad eccezione del carcere che cercheremo di riavere con tutte le nostre forze. Oggi però questo paziente deve tornare a vivere e non a sopravvivere, figuriamoci ad essere tenuto in vita. E c’è bisogno di misure che garantiscano chiarezza e velocità; una su tutte, la riduzione del cratere o almeno la suddivisione per fasce, in base ai livelli di danno oggettivi”.  Il sindaco ha anche riproposto la candidatura a fare di Camerino il caso di scuola per la ricostruzione confermando l’incarico affidato all’architetto Mario Cucinella, “ proprio per progettare una rigenerazione che non sia semplice ricostruzione. Ripropongo qui la candidatura ad essere città territorio sperimentale, dove provare materialmente, e, come dovranno essere in futuro i tanti meravigliosi centri storici che caratterizzano l’Italia e il tutto, perseguendo i due obiettivi della qualità, intesa come sicurezza e, della bellezza, tenendo sempre a mente i due criteri imprescindibili della tempestività e della trasparenza. Vogliamo e pretendiamo che la città e il territorio escano dalla ricostruzione con la consapevolezza che, qualunque cosa avverrà, la nostra comunità e le nostre strutture sapranno resistere. In una sola parola, rigenerazione”.

Pieve Torina torna a vivere. Consegnate altre 69 casette

11 Nov 2017
14495 volte

Pieve Torina torna a vivere. Grande la gioia degli abitanti, unita a quella delle istituzioni locali, regionali e nazionali, per la consegna di ben 69 casette nel territorio comunale.  Le prime ad essere state consegnate sono state le 14 Sae di Appennino, seguite poco dopo da altre 17 casette nella frazione di Casavecchia e dalle 38 dell’area Le Piane del capoluogo.

Con le ulteriori 26 Sae dell’area La serra del 15 novembre, nel giro di pochi giorni il comune raggiunge la consegna di ulteriori 95 soluzioni abitative emergenziali, arrivando a coprire i due terzi del fabbisogno. Risultati tangibili per un paese che, con il 93 per cento degli immobili inutilizzabili etra i più colpiti dal sisma, sta rispondendo con forte energia ai bisogni della gente. Lo ha inteso sottolineare lo stesso presidente della Regione Luca Ceriscioli intervenuto alla consegna, insieme al Capo della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli, all’assessore Sciapichetti, al presidente del consorzio stabile Arcale, Giorgio Gervasi.

IMG 20171111 145906601

Nella frazione di Appennino, la prima a ricevere le chiavi di casa dalle mani del presidente della regione, è stata la più anziana del paese, l’ottantaquattrenne Maddalena Laurenti. Gioia e momenti di forte commozione tra la popolazione tutta, nel rivedere dopo tanto tempo le amate montagne e i luoghi delle proprie radici.

 In tanti, chi nelle strutture ricettive della costa, chi ospiti di amici o parenti, hanno vissuto per un anno lontani da casa e dai loro ricordi.

IMG 20171111 150739825

      ( Nella foto il Capo Protezione civile Borrelli e la signora Maddalena nella  casetta)

 “ Anche se non sono più giovane e difficilmente rivedrò la mia casa ricostruita- ha dichiarato una delle signore assegnatarie - ritornare è un po’ rinascere”.

“Oggi si torna ed è una bella giornata sotto molti punti di vista – ha detto Ceriscioli- Lo scenario naturale che ci circonda, conferma la bellezza del nostro territorio e l’importanza della possibilità di farvi ritorno. Realizzare dei nuclei di vere e proprie case nei posti abitati da prima, è stata una scelta difficile ma molto appagante, e, ce ne rendiamo conto ogni qual volta arriviamo a restituire abitabilità alle persone, alle quali va riconosciuto l’attaccamento e l’amore per il loro territorio. Stiamo lavorando per poter riuscire quanto prima a ridare a tutti questa possibilità - ha continuato il governatore –. Spero che per voi si apra da questa giornata un’altra fase, che non abbia più il sapore dell’emergenza, ma del ritorno alla normalità. Ci sarà successivamente il tempo di rimettere a posto il paese, occupandoci degli aspetti più semplici come le perimetrazioni, o di quelli più complessi. Oggi però si torna e si riparte con una fase nuova. Pochi giorni fa, per la prima volta un presidente della Repubblica si è fermato in queste zone; ha guardato con occhi attenti la costruzione di una nuova scuola che è un altro pezzo di comunità che si ricostituisce. Noi crediamo in questo progetto: restituire alle famiglie, la vita nei luoghi che le hanno sempre accolte. Consideriamo preziosissimo il territorio delle aree interne, nei confronti del quale vorremo sviluppare tutte le iniziative possibili, non solo per tornarci, ma anche per poterci vivere al meglio. Ci sono tante risorse che possono essere spese utilmente e lo faremo insieme ai sindaci, affinché il rientro possa essere accompagnato anche da occasioni di lavoro e d’occupazione”. Consegnando le chiavi delle casette il presidente ha voluto ringraziare la popolazione per la pazienza che ha avuto : “ Capisco cosa significhi star lontani dai luoghi che si amano; oggi però voglio essere felice insieme a voi di una giornata così bella e così speciale che abbraccia tutti, dai più piccini,agli adulti, ai più anziani.  Auguro a voi tutti, una buona permanenza, per poi rivederci come istituzione nei successivi passaggi, sempre presenti, sempre vicini e sempre collaborativi”.

IMG 20171111 153554880

                               la consegna delle chiavi nell'area di Casavecchia

“ Una giornata speciale per voi ma anche per noi – ha detto il Capo della protezione civile nazionale Borrelli – Ci tenevo ad essere presente e ho raccolto con piacere l’invito del sindaco.

 La vostra- ha aggiunto- è una comunità che, pur duramente colpita dal terremoto, non si è piegata agli eventi emergenziali, dimostrandosi costantemente operosa. Oggi siamo qui per celebrare il vostro rientro in strutture provvisorie che a tutti gli effetti sono delle vere case. Speriamo di riuscire a completare in tutti i comuni e, nel più breve tempo possibile ogni attività connessa con le soluzioni abitative di emergenza, e, di farvi  anche tornare alla normalità con la ricostruzione”. 

IMG 20171111 153608473

“ I cittadini della montagna,  sono persone dignitose nell’aver perso tutto - ha dichiarato nel suo intervento il sindaco Alessandro Gentilucci- Le persone che hanno voglia di ritornare, rappresentano le radici e il futuro di queste piccole comunità. Nell’individuare le aree per le Sae - ha continuato –abbiamo tenuto in considerazione i vari nuclei che sono, a tutti gli effetti, presidi fondamentali per la sopravvivenza di un territorio. Abbiamo cercato di favorire il decentramento e la possibilità di avere gente che rimanga a gestire e governare le terre. Arrivare a consegnare delle case è un risultato che ci fa sentire orgogliosi degli sforzi fatti, che ripaga delle difficoltà e dei momenti drammatici vissuti insieme”.

Rallegrandosi per i nuovi passi raggiunti, il primo cittadino di Pieve Torina ha voluto evidenziare l’importanza della presenza delle istituzioni e dell’impegno propulsivo che verrà dispiegato a favore del territorio montano, in un’ottica di maggiore valorizzazione e sviluppo.

Carla Campetella

commozione

       Consegna delle Sae nell'area Le Piane a Pieve Torina

Cadavere di una giovane donna rinvenuto in contrada Pianarucci nelle campagne di Tolentino

11 Nov 2017
114 volte

E' di una donna, di carnagione chiara e di giovane età, il corpo rinvenuto ieri in un corso d'acqua in località Pianarucci di Tolentino (Macerata) in avanzato stato di decomposizione. L'area è stata transennata e piantonata tutta la notte dai carabinieri per preservare i luoghi in vista dei rilievi tecnici, e questa mattina intorno alle sette la salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. La morte, secondo i primi accertamenti, dovrebbe risalire a circa due mesi fa. Tuttavia, fino a questo momento, non si ha notizia, almeno per quanto riguarda il territorio di Tolentino, di denunce di persone scomparse. Il cadavere, che giaceva in una zona isolata, era stato scoperto ieri verso le 17,30 da un passante e solo oggi si è appreso che si trattava di una donna.  Coordina le indagini dei carabinieri la Procura della Repubblica di Macerata.

Fonte Ansa 

Raccolta delle olive, prodotto di qualità per l'extravergine novello

10 Nov 2017
628 volte

Iniziata in anticipo rispetto al periodo tradizionale, complice la lunga "primavera" dopo il caldo estivo, è in pieno svolgimento la campagna della raccolta delle olive nelle campagne marchigiane.

Una raccolta che si sta svolgendo a pieno ritmo anche nel territorio maceratese dopo che, nello scorso anno, i disagi provocati dal terremoto e, soprattutto, la presenza della mosca olearia avevano determinato una flessione nella produzione dell'olio di oliva.

Diverse le tipologie di piante presenti nella campagna maceratese: si va dal Leccino, presente soprattutto nelle zone collinari della costa, al piantone di Mogliano, che fa mostra di sè nel camerinese, alla Coroncina, tipica qualità presente nelle zone delle frazioni di Croce, Pieve Favera, Valcimarra nel comune di Caldarola.

Moderatamente soddisfatti agricoltori e produttori, nonostante il calo quantitativo causato dalla siccità, per la resa che va dai 14 ai 16 chili di olio per quintale di oliva.

Brutte notizie, invece, per i consumatori, visto l'aumento del prezzo dell'olio che oscilla dai 10 ai 15 euro al chilo per olive selezionate.

( di seguito alcune foto relative alle piantagioni della zona collinare del maceratese e alcune fasi della lavorazione )

 piante di coroncina e di Mogliano

 

dalle olive alla bruschetta

Nel pieno della campagna di raccolta ad Ancona, al Mercato di Campagna Amica, arriva l'olio nuovo ( gustosissimo per la bruschetta ). Coldiretti, infatti, sarà presente domenica 12 novembre con il farmers market di piazza Roma, che ospiterà gli assaggi di extravergine novello.

separatore olio

Un’occasione per assaggiare l’olio della campagna 2017, di qualità eccezionale grazie al fatto che il caldo ha azzerato gli attacchi della mosca olearia. Gli stand dei produttori saranno attivi dalle ore 10 alle ore 20. Ma l’olio non sarà il solo ospite speciale dell’evento. Nell’ottica di uno scambio tra territorio, il mercato ospiterà un’azienda siciliana di Campagna Amica, che produce arance, mandarini, pompelmi e limoni biologici. Non mancherà la tradizionale offerta di tipicità del teritorio, dai mieli aromatizzati ai vini, alle acquaviti e ai dolci di visciole, dalle primizie ortofrutticole ai salumi, dai formaggi fino alle confetture e agli agricosmetici a base di lavanda.

raccolta olive

pasta di olive prima della spremitura

uliveto con panorama

..

 

Da Dhl Express Italia uno scuolabus per i bambini di Pieve Torina

10 Nov 2017
11012 volte

Solidarietà dall'impresa Dhl Express Italia a favore della comunità di Pieve Torina. Accolti dal sindaco Alessandro Gentilucci  i rappresentanti del gruppo, leader mondiale nel settore della logistica, hanno consegnato al comune un nuovissimo scuolabus.   

L’inaugurazione è avvenuta con il primo viaggio sul mezzo, da parte di un gruppo di alunni delle scuole elementari accompagnati dalle loro insegnanti. Partenza dal piazzale del Centro operativo Comunale, con destinazione la nuovissima sede scolastica, il cui taglio del nastro è previsto il prossimo 16 dicembre.

IMG 20171110 095850926

Grazie al nobile gesto dei dipendenti di Dhl che hanno deciso di donare delle ore del proprio lavoro alla comunità di Pieve Torina,- ha affermato Gentilucci-  si è potuta realizzare un'azione concreta di mobilità solidale. Un nuovissimo scuolabus  che non può che farci felici, visto che il nostro pulmino era in rottamazione. Non posso che esprimere la gratitudine di tutta la comunità per questo bellissimo regalo”.

IMG 20171110 103345155

 

“ Per raggiungere l'obiettivo-  ha dichiarato Marco Farneti di DHL- tutti i dipendenti delle sedi italiane dell'impresa si sono autotassati, donando liberamente  delle ore del proprio lavoro convogliando fondi a favore delle popolazioni terremotate. Abbiamo scelto Pieve Torina, tra le più colpite dal sisma e forse meno in risalto a livello nazionale. La nostra direzione ha deciso di donare uno scuolabus ; si è provveduto all’acquisto del mezzo, arrivato dalla Germania e allestito a Milano dalla ditta Tommasini . L’azienda ha deciso di non reclamizzare il suo nome sul mezzo di trasporto, proprio per tenere un profilo basso. Quello che ci rende davvero felici è contribuire al risollevarsi di una comunità; sapere che di questo piccolo gesto, potranno avvantaggiarsi dei bambini che si recano a scuola, è la cosa più bella”.   

Il bel momento di festa è stato arricchito dalla visita del cantiere della nuova scuola i cui lavori di ultimazione procedono a pieno ritmo. L’edificio, realizzato grazie al progetto Succisa Virescit e alle donazioni dei privati cittadini, accoglierà le scuole primarie e secondarie di primo grado di Pieve Torina.

IMG 20171110 101031666

 

Guidata dal sindaco Gentilucci e dall’assessore Gian Carlo Ciuffetti la visita nei locali, alla quale, insieme alla delegazione di DHL e a Giuliano De Minicis di Succisa Virescit, hanno  preso parte anche docenti e bambini delle primarie, muniti di caschetto. “ Siamo in dirittura d’arrivo- ha detto Gentilucci- e quello che rappresenta per noi questo nuovo edificio lo abbiamo già potuto leggere nei visi dei bambini e degli insegnanti proprio nel corso di questa piccola visita informale. Una scuola la cui volontà e il cui progetto è nato nel mese di dicembre 2016  e che, in meno di un anno, riusciremo a consegnare. L’inaugurazione era in realtà prevista per settembre 2017; difficoltà di ordine logistico hanno portato ad una dilatazione dei tempi, tuttavia, consapevoli di voler privilegiare la qualità, non ce la siamo sentita di forzare troppo la mano”. 

IMG 20171110 101538545

IMG 20171110 102003184

IMG 20171110 102235940

La ripartenza di  Pieve Torina segna  un ulteriore passo in avanti anche nella consegna delle casette. Questo sabato 11 novembre, il sindaco distribuirà le chiavi di 69 casette ad altrettante famiglie.  In particolare,la consegna avverrà per 38 Sae dell' area Le Piane, 17 di  Casavecchia e 14 della frazione di Appennino. Entro mercoledì prossimo con la consegna di altre 26 casette nell’area La Serra si raggiungerà il numero di ulteriori 95 Sae consegnate, coprendo  i due terzi delle assegnazioni. “ La stanchezza è tanta; tutti i giorni siamo presenti nei cantieri per evidenziare criticità e per cercare di stimolare le operazioni. Quando riesci a riportare a casa 95 famiglie, il cui desiderio di tornare è fortissimo- ha concluso Gentilucci- significa ricreare una comunità e questo, ripaga di tutti gli sforzi”. 

IMG 20171110 100903068

Il cantiere della nuova scuola

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo