Imbocca lo svincolo contromano, scontro tra due auto a Corridonia

11 Feb 2016
142 volte

Tragedia sfiorata a Corridonia, all'altezza dello svincolo della superstrada 77 Valdichienti. Due auto, una Bmw e una Opel, si sono scontrate, ma fortunatamente i conducenti sono rimasti praticamente illesi.

L'incidente è stato provocato dal fatto che una delle due vetture ha imboccato contromano lo svincolo, per cui l'impatto è stato inevitabile.

Sul posto i carabinieri del Nucleo Radiomobile per regolare il traffico, in attesa che fosse sgomberata la sede stradale.

Comuni verso la fusione?

11 Feb 2016
290 volte

Fusione dei piccoli comuni. La questione è quanto mai attuale vista la forte accelerazione data al riguardo dal governo centrale nell'ottica del miglioramento dei servizi e del contenimento dei costi. Un argomento che infiamma anche il dibattitto tra gli amministratori, soprattutto nei piccoli e medi centri montani. Un progetto su cui si sta lavorando alacramente nei comuni di Visso e Castelsantangelo sul Nero, con Ussita che sembra non uscire dalla sua posizione di stallo, per dare vita al comune di Altonera. Un problema sollevato a Camerino dal consigliere di minoranza Pietro Tapanelli, che vedrebbe di buon occhio l'unione dei comuni della Marca anche con Castelraimondo e San Severino. Una questione che riguarda da vicino anche il territorio dei 5 comuni di Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Serrapetrona, che svolgono già in forma associata gran parte dei servizi e che sono "reduci" dall'esperienza, negli anni '80, di una sorta di unione ante litteram attraverso la vicenda, oggi conclusa, del Con.Turi.Sport.

Cosa pensano dell'eventuale fusione i sindaci dei territori interessati?

La risposta nel numero del settimanale L'Appennino camerte in edicola venerdì 12 febbraio...

Arnesi da scasso in auto e in casa, denunciati due romeni

09 Feb 2016
225 volte

Con l’attrezzatura che avevano in macchina e in casa avrebbero potuto demolire un’intera abitazione. Due cittadini rumeni sono stati individuati e denunciati dai carabinieri a Tolentino.

Una pattuglia del Radiomobile, assistita anche da militari in borghese, ha individuato un’Audi nera con targa bulgara sulla quale viaggiavano due rumeni. Dopo averne seguite le mosse, i militari sono intervenuti bloccando l’auto e gli occupanti. Durante il controllo del mezzo spuntava un kit composto da una smerigliatrice (frullino), cesoie, cacciaviti, tronchesi, tenaglie, torce, guanti.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso ai carabinieri di scoprire un piccolo market dello scassinatore: piedi di porco, grosse “cagne” e cesoie, frullino a batteria, trapano, torce di vari tipi, guanti, ecc.. Tra l'attrezzatura vi erano anche un paio di manette e una particolare videocamera con piccolissimo obiettivo telescopico lungo 60 cm, utile per effettuare ricerche di cose nascoste, come casseforti, cassetti segreti, o per scoprire sistemi di chiusura di porte, finestre e quant’altro.

Tutto il materiale è stato sequestrato e i due sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per possesso ingiustificato grimaldelli e attrezzi atti allo scasso. Inoltre, è stato loro applicato il foglio di via obbligatorio dal comune di Tolentino.

Carambola di auto a Maddalena di Muccia, 5 persone restano ferite

09 Feb 2016
594 volte

Spettacolare incidente stradale nelle prime ore del pomeriggio nei pressi di Maddalena di Muccia, all'altezza del cavalcavia della superstrada 77 Valdichienti.

Nello scontro sono rimaste coinvolte tre vetture, una Fiat Punto, una Golf e una Fiat Panda. Sei le persone ferite, fortunatamente in maniera non grave, cinque delle quali trasportate al pronto soccorso dell'ospedale di Camerino.

Sul posto anche i vigili del fuoco del distaccamento camerte e i carabinieri, che stanno ricostruendo la dinamica del sinistro. Sembra che l'incidente sia stato innescato dallo scontro tra la Punto e la Golf, con la carambola che ha coinvolto anche la Panda che sopraggiungeva nell'opposta corsia di marcia.

Camerino, taglio del nastro per la nuova sede di Informatica

09 Feb 2016
93 volte

Taglio del nastro a Camerino per la nuova sede della facoltà di informatica che sarà ospitata nelle aule dell'ex tribunale.

L'inaugurazione alla presenza del rettore di Unicam Flavio Corradini, del sindaco Gianluca Pasqui e del presidente dell'Unione Montana "Marca di Camerino" Alessandro Gentilucci.

Dal prossimo 1 marzo saranno circa quattrocento gli studenti universitari che, al riprendere del secondo semestre, frequenteranno le lezioni nelle aule dell'ex palazzo di giustizia camerte, in Piazza Mazzini.

L'edificio del tribunale infatti, dopo la chiusura del settembre 2013, è stato concesso dal comune in comodato d'uso ad Unicam, quale sede di informatica. Le aule ed i laboratori occuperanno il primo e il secondo piano dello stabile, mentre alcune stanze del quarto piano sono state affidate al collegio dei geometri e geometri laureati di Camerino per lo svolgimento delle attività istituzionali.

Un accordo che, oltre ad un razionale utilizzo del palazzo del tribunale, tornerà a far rivivere ancora di più anche il centro della città ducale.

inaugurazione1

Ruba portafogli e capi di abbigliamento, giovane rom finisce in manette

09 Feb 2016
185 volte

Una denuncia per il furto del portafogli fatta da una donna ai carabinieri di Chiaravalle conduce all'arresto di due ragazze di etnia rom, di 15 e 21 anni. La donna ha, infatti, raccontato ai militari che poco prima all’interno di un negozio del centro aveva notato l'atteggiamento sospetto di due ragazze.

Le sconosciute sono state così rintracciate poco dopo all’interno di un negozio di abbigliamento.

Condotte in caserma e sottoposte a perquisizione, i militari hanno rinvenuto non solo 150 euro rubati alla vittima, ma anche capi di abbigliamento per un valore di circa 200 euro rubati all’interno nel negozio di abbigliamento.

Nei confronti della maggiorenne quindi è scattato l’arresto per furto aggravato continuato in concorso, mentre la minore è stata denunciata in stato di libertà e affidata ai genitori.

Unicam e Camerino in lutto, si è spenta Maria "Nelli" Pigini

08 Feb 2016
488 volte

Grave lutto per la città di Camerino e per l’intera comunità universitaria.

Grave lutto per la città di Camerino e per l’intera comunità universitaria. Si è spenta all’ospedale di San Severino Marche la professoressa Maria”Nelli” Pigini, moglie del professor Mario Giannella, per tanti anni rettore dell’ateneo camerte ed ex sindaco della città. Originaria di Osimo, da qualche tempo in quiescenza, per circa 40 anni è stata docentedi Chimica dei medicinali presso la Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della salute. Autrice di numerose pubblicazioni scientifiche di rilievo internazionale, la signora Pigini lascia un bellissimo ricordo tra i colleghi e tra gli studenti universitari che ha sempre attentamente seguito. Fino all’ultimo, nonostante fosse in pensione, ha continuato a frequentare la sede della Scuola del Farmaco, collaborando negli studi e nelle attività di ricerca. Persona buona, generosa e sempre disponibile all’ascolto, in maniera silenziosa ha dedicato la sua inesauribile energia creativa all’organizzazione di molti eventi accademici e cittadini. Il suo amore per l’arte e la cultura in genere, l’hanno portata ad essere attivamente coinvolta in prima fila nella promozione di importanti progetti. A dimostrazione del carattere poliedrico della signora Nelli può ricordarsi, tra le altre, la serie di iniziative da lei organizzate nel 1992, per celebrare la figura di Ugo Betti nel centenario della sua nascita. Ispirate alla drammatizzazione di alcune novelle del poeta camerte, grazie all’energia propulsiva della professoressa e per la regia di Alberto Pellegrino, ne scaturirono trasmissioni radiofoniche e spettacoli teatrali originali. I funerali si svolgeranno questo martedì 9 febbraio alle ore 15.00 nella cattedrale di Camerino. Al prof. Mario e al figlio Saverio, le più sentite condoglianze dalla redazione de L’Appennino Camerte e Radioc1inBlu .

Pigini Giannella

A Tolentino presentata l'iniziativa "Un parco per tutti"

08 Feb 2016
30 volte

Sin da quando ci siamo insediati abbiamo subito cercato di lavorare per diminuire e dove possibile abbattere tutte quelle barriere, non solo architettoniche ma anche culturali, in favore dei diversamente abili. Per questo motivo l'Amministrazione comunale ha avviato una interazione continua con l'Associazione Lesi non Arresi e con Paolo Vichi. L'intenzione è quella collaborare fattivamente su più livelli per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla scarsa attenzione che noi tutti, specie nei comportamenti quotidiani, abbiamo nei confronti di coloro che hanno problemi di deambulazione non solo derivanti da handicap ma anche per altri motivi, basta pensare alle persone anziane, a chi si trova momentaneamente a muoversi con l’ausilio delle stampelle o alle mamme e alle loro carrozzine. Ecco allora che bisogna progettare e realizzare strade, edifici, negozi, case a misura di persone diversamente abili. A tal proposito abbiamo voluto anche occuparci dei parchi pubblici e dei giochi che, salvo in rarissimi casi, non tengono mai conto dei diversamente abili e che quindi non sono fruibili da tutti i bambini. Con la sistemazione del Parco Isola d'Istria e con l'istallazione di nuovi giochi anche per persone diversamente abili rispondiamo ad una giusta esigenza di tutti i cittadini.

Con queste argomentazioni il Sindaco Giuseppe Pezzanesi, l'Assessore Silvia Luconi e l’Assessore Fausto Pezzanesi hanno illustrato le motivazioni che hanno portato all'organizzazione di alcuni importanti eventi inerenti questi temi. Era presente anche il Consigliere delegato all’Ambiente Antonio Trombetta.Va sottolineato che l'acquisto dei giochi istallati al Parco Isola d'Istria è stato finanziato dall'Amministrazione comunale di Tolentino, dal Rotary Club di Tolentino e dall'Associazione Lesi non Arresi.Il programma “Un Parco per tutti” verrà aperto sabato 13 febbraio alle ore 20.30, con una cena di beneficenza che verrà ospitata nel salone medioevale del complesso monumentale della Basilica di San Nicola. Il ricavato sarà devoluto all’acquisto di altri giochi da sistemare nei parchi cittadini.Domenica 14 febbraio al cine teatro Don Bosco, alle ore 16.30, interverranno Giuseppe Pezzanesi, Sindaco di Tolentino, Roberto Ballini Presidente del Rotary Club di Tolentino, Paolo Vichi, Maria Gogoi Reggio e Stefano Belardinelli Presidente del Cus Camerino, per la cerimonia di consegna di un tavolo da ping pong da parte del Cus Camerino che sarà sistemato al Palasport "G. Chierici" grazie alla disponibilità dell'associazione Basket Tolentino. Con l'occasione sarà presentata, alle ore 17, la possibilità di praticare il tennis da tavolo anche per i diversamente abili.Alle ore 17.30 andrà in scena lo spettacolo teatrale interpretato da David Anzalone "Targato H".

Prevendita alla Pro Loco TCT (0733.972937). anche in questo caso l’intero incasso sarà devoluto all’acquisto di giochi per diversamente abili.

“Targato H. Contromonologo” è uno spettacolo comico in cui si tratta il tema dell'handicap. Il filo conduttore è il costante ribaltamento in chiave ironica delle concezioni comuni che si hanno nei confronti dell'handicap e dell'handicappato. Contro-mono-logo quindi, ovvero il rifiuto di ogni strumento di omologazione e di qualsiasi pretesa di “targare” il diverso. All’interno del monologo teatrale, oltre al tema centrale, si può trovare molto altro: nascita, amore, ricerca delle proprie origini, affermazione della propria dignità. Targato H contro-mono-logo è la rappresentazione della consapevolezza di chi guarda in faccia alla realtà, la chiama con il proprio nome e per questo ne esce vincente, contro quella cultura caritatevole che genera il pregiudizio.

Dalla narrazione del quotidiano, rielaborato in chiave comica, scaturisce la risata che demolisce la classificazione castrante tra normalità e anormalità e fa riflettere sulle iniquità che albergano nella vita di tutti i giorni. Testi di David Anzalone e Alessandro Castriota. Regia e musiche di Alessandro Castriota.

Inoltre nel corso della conferenza stampa è stata ufficializzata la collaborazione tra l’Associazione Lesi non Arresi con il Glaatad per combattere le patologie derivanti dal gioco d’azzardo mentre Sonia Salvucci ha annunciato che i proventi derivanti dalla vendita del libro dedicato a suo nonno Enzo Pennucci detto “Lu Sellà” verranno consegnati all’Associazione Lesi non Arresi il prossimo 21 febbraio.

San Severino: precipita dalla finestra, grave una donna di 68 anni

08 Feb 2016
103 volte

Ricoverata in condizioni gravissime all'ospedale regionale di Torrette dopo un volo di oltre 7 metri. Il dramma è avvenuto a San Severino Marche, in via Gorgonero, dove per cause in corso di accertamento una donna di 68 anni è precipitata dalla finestra della propria abitazione. Immediato l'allarme da parte di alcuni operai che stavano effettuando lavori nello stabile. Il personale del 118, giunto sul posto, vista la gravità delle condizioni della donna, ha chiesto l'intervento dell'eliambulanza per il trasporto dell'anziana ad Ancona.

Pazzaglini: "Quando la faccia tosta non ha limiti"

06 Feb 2016
831 volte

Ho letto sull'Appenino camerte un articolo con cui la minoranza consiliare si prende i meriti di aver salvato la guardia medica.

Evidentemente non solo alla sfacciataggine non ci sono limiti ma nemmeno alla decenza. Ricordo a tutti infatti che la soppressione della nostra guardia medica era stata disposta con la delibera di giunta regionale n. 235 del 2013, approvata quindi quando l'attuale minoranza amministrava il comune di Visso.

E visto che prima facevo riferimento a sfacciataggine e decenza mi sento di dover allargare il campo anche alla correttezza.

Nel suddetto -ridicolo- comunicato infatti i tre ringraziavano diversi soggetti (tutti del partito democratico) per il risultato. A parte l'inopportuno tentativo di politicizzare un risultato che invece è venuto da un impegno corale e bipartisan la cosa grave è che in questo modo, accanto ai giusti ringraziamenti al Presidente della Regione e all'assessore Sciapichetti, si sono dimenticati tutti coloro che insieme a me si sono impegnati per conseguire il risultato.

Ricordati i primi due provo ad elencarli qui partendo dal Consigliere Regionale Luca Marconi, passando poi ai dirigenti che si sono occupati della vicenda in primis l'ex direttore della asur regionale dott. Genga, poi l'ex direttore della area vasta 3 dott. Gigliucci fino ad arrivare all'attuale direttore dott. Maccioni. Non sono mancati i Sindaci che hanno lottato con me per conseguire il risultato, a partire dal Sindaco di Fiastra Castelletti, che insieme all'ex presidente della Comunita Montana Scaficchia ha partecipato al primo incontro ad Ancona con l'ex presidente dell'asur. Non sono stati gli unici però, infatti al successivo incontro a Macerata oltre a loro ha partecipato anche il Sindaco di Ussita Rinaldi. In conclusione ricordo anche gli altri Sindaci che si sono impegnati nella lotta, a partire dal Sindaco di Castelsantangelo sul Nera che nonostante problemi di salute non si è mai estraniato dall'impegno per finire con i Sindaci Fiordomo, Pezzanesi e Martini che all'assemblea dei Sindaci di area vasta si sono espressamente e con veemenza schierati per primi con me. In ultimo ringrazio il Sindaco di Macerata Carancini che chiudendo la suddetta assemblea chiedeva espressamente ai dirigenti presenti (tutti e cinque i direttori di aree vasta e il direttore della asur regionale) di valutare come assecondare l'orientamento emerso in assemblea a favore del mantenimento della nostra sede.

Non credo di aver dimenticato nessuno quindi non è per un lapsus che non inserisco nei ringraziamenti l'attuale gruppo di minoranza di Visso (inteso in senso ampio), infatti non solo non hanno fatto nulla per aiutarmi in questa lotta che era di tutti noi, non solo non hanno firmato nemmeno la petizione che credo tutti voi invece avete sottoscritto, ma almeno in un caso, su espressa richiesta dell'assessore Patrizia Serfaustini, si sono addirittura rifiutati anche di firmare la suddetta.

L'ho scritto all'inizio, evidentemente alla sfacciataggine non c'è limite, come alla decenza, alla correttezza, alla onestà ecc... ecc... ecc...

Giuliano Pazzaglini, Sindaco di Visso"

Castelplanio, i carabinieri recuperano argenteria rubata ad una pensionata

06 Feb 2016
21 volte

La grossa quantità di argenteria sequestrata dai Carabinieri di Castelplanio la sera del 1° febbraio e rinvenuta a bordo di una Volkswagen Beetle, risultata oggetto di furto, che i militari hanno recuperato dopo un lungo inseguimento lungo la Statale, adesso ha un proprietario.

I preziosi sono risultati provento del furto consumato tra il 29 ed il 30 gennaio a Sassoferrato, ai danni di una pensionata.

Ufficialmente riconosciuti dalla proprietaria, sono in corso le procedure per la restituzione.

 

Parco dei Sibillini, il sindaco Rinaldi nominato vicepresidente

05 Feb 2016
86 volte

Si è riunito il Consiglio direttivo del Parco Nazionale dei Monti Sibillini ed ha eletto il vicepresidente nella persona di Marco Rinaldi Sindaco di Ussita, il Sindaco di Norcia Nicola Alemanno quale terzo componente della Giunta esecutiva. Con queste nomine sono stati completati gli organi dell'Ente Parco previsti dalla legge quadro sulle aree protette. Il Presidente, prof. Oliviero Olivieri, si congratula con il Consiglio direttivo ed auspica che tali organi possano contribuire in maniera proficua al raggiungimento degli obiettivi del Parco rafforzando i rapporti e le sinergie tra Ministero dell'Ambiente, Regioni, Comuni e tutti i soggetti interessati ad un efficace raggiungimento degli obiettivi di conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale dell'area protetta. Il Presidente della Comunità del Parco Domenico Ciaffaroni, presente alla seduta, esprime soddisfazione per le nomine ed auspica che gli obiettivi generali e strategici del Parco, a livello nazionale e comunitario, vengano sempre più condivisi con il territorio.

Le nuove sfide dei territori montani marchigiani

05 Feb 2016
156 volte

Gli Stati Generali della montagna marchigiana si sono riuniti a Fabriano presso l’Oratorio della Carità.

La giornata promossa dall’UNCEM – Unione nazionale comuni, comunità, enti montani in collaborazione con Anci Marche, ha avuto un unico filo conduttore : le nuove sfide dei territori montani marchigiani.

L’incontro si è aperto con il saluto del Vescovo della Diocesi di Fabriano – Matelica Giancarlo Vecerrica per poi passare all’intervento del coordinatore del dibattito Michele Maiani - Presidente delegazione UNCEM delle Marche che ha tracciato un bilancio del primo anno di nascita delle Unioni Montane marchigiane.

Il Sindaco di Fabriano e Presidente dell’Unione Montana dell’Esino Frasassi Giancarlo Sagramola ha poi con il suo intervento centrato appieno l’obiettivo della giornata lanciando nuove sfide e strategie per il cambiamento del territorio montano.

Sagramola ha ripercorso le difficoltà e le problematiche che la nostra area montana si è trovata ad affrontare nel corso di questi anni.

I tagli lineari della politica, sempre più consistenti, hanno reso difficile garantire i servizi alla popolazione montana che negli anni inevitabilmente è diminuita in quasi tutte le zone montane marchigiane tranne nella zona dell’Esino Frasassi in cui si è mantenuta pressoché costante.

Le problematiche che l’area montana marchigiana deve fronteggiare sono innumerevoli:

- LA RETE SANITARIA con la presenza di solo 4 ospedali che coprono il 55% del territorio, contro i 9 ospedali presenti nella costa

- I TRASPORTI dove si assiste ad una scarsa integrazione del trasporto su gomma a causa dell’organizzazione ancora ferma ai vecchi confini con linee insufficienti e articolate su vecchie modalità. La difficoltà inoltre del trasporto ferroviario sempre più minato e reso difficoltoso da continui tagli alla spesa.

- I SERVIZI SOCIALI con la difficoltà di garantire i servizi essenziali ad una popolazione che invecchia sempre di più e logisticamente distribuita in territori difficili da raggiungere, difficoltà che potrebbe essere superata facendo coincidere i territori dell’Unione Montana con quelli degli Ambiti territoriali sociali

- L’ISTRUZIONE con la necessità di pianificare indirizzi scolastici e localizzazioni degli istituti tenendo conto non del singolo territorio comunale ma dell’intera zona montana

- LE IMPRESE da sostenere anche attraverso il recupero dell’Accordo di programma, nato della crisi della Antonio Merloni, come strumento di sviluppo delle Aree Interne. Promuovere inoltre interventi di sostegno all’artigianato artistico e rilanciando i centri Servizi alle Imprese , simili al modello “Meccano”

- L’AGRICOLTURA promuovendo la ricerca e l’uso delle nuove tecnologie anche attraverso la ricerca di nuove fonti di finanziamento

- LA FORESTAZIONE rilanciando l’attività forestale come strategia essenziale di sviluppo del territorio.

Tutte queste problematiche possono essere superate conclude il sindaco Sagramola se adottiamo tutti insieme delle STRATEGIE DI CAMBIAMENTO: prima di tutto bisogna superare i vecchi confini amministrativi provinciali pensando ad un’unica ARTEA VASTA MONTANA DELLE MARCHE.

Il lavoro delle Unioni Montane delle Marche deve essere focalizzato inoltre a proporre linee per una nuova legge nazionale/regionale sulle Aree Montane valorizzando la possibilità di acquisire risorse interne per garantire la continuità dello sviluppo del territorio montano.

Inoltre, il vero cambiamento – ha concluso il Sagramola - non potrà mai dirsi completo ed efficace se non viene condiviso da tutte le Unioni Montane attraverso una comunicazione continua e strategica da realizzare anche attraverso strumenti comunicativi nuovi e sempre più efficienti .

La giornata è poi continuata con gli interventi del Sindaco di Frontone e Presidente dell’Unione Montana del Catria e del Nerone Francesco Passetti che si è soffermato sulla strategia delle aree interne nella Regione Marche per poi lasciare la parola a Fabrizio Giuliani – Presidente della società SAF che ha tracciato i vantaggi di una politica efficace della forestazione nella Regione Marche.

Il Presidente del Consorzio di Bonifica della Regione Marche – Claudio Netti ha descritto le politiche del consorzio per le aree interne lasciando quindi le conclusioni della giornata all’Assessore alle politiche della montagna della Regione Angelo Schiapichetti e all’Onorevole Enrico Borghi Presidente nazionale dell’UNCEM.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo