Macereto, segni di speranza

05 Ago 2017
1248 volte

Segni di rinascita. Da domenica 6 e per l’intero mese di Agosto riapre al culto il Santuario di Macereto a quasi un anno dal terremoto della notte del 24 agosto 2016.

Ogni domenica alle ore 16.30, nel piazzale antistante il Santuario, sarà celebrata la santa messa.

A darne l’annuncio don Gilberto Spurio, parroco di Visso, uno dei paesi maggiormente colpiti dal sisma, che in questi mesi non ha mai abbandonato il paese e che, anche attraverso le celebrazioni estive al Santuario di Macereto, intende alimentare i semi di speranza.

L'esigenza è dovuta ai tanti turisti che nel mese di agosto preferiscono trascorrere delle ore in montagna e non  vogliono perdere un momento importante per un cristiano, partecipare all'Eucaristia.

 

nella foto il Santuario di Macereto

santuario macereto

Castelraimondo. Successo per Marche in vetrina . Nel premio alle eccellenze un messaggio di speranza

05 Ago 2017
1160 volte

Serata d’estate da incorniciare quella andata in scena da piazza della repubblica a Castelraimondo per l’edizione 2017 di Marche in vetrina. Atmosfera di vitalità e partecipazione quella che si è respirata proprio da sotto la torre del monumento del Cassero, segnale della voglia di ripartire e di trovare motivazioni sempre nuove per darsi da fare.  Solide radici e storie di successo per consolidare la memoria della nota capacità di organizzare e riorganizzare che la gente delle Marche porta in dote; etica dell’eccellenza come fondamento del successo e della carica positiva delle opportunità da cogliere, per affrontare con fiducia anche i terreni più difficili. “Il fatto che qui sotto ci sia stato l' inferno, testimonia che le Marche sono il paradiso- ha detto in apertura  il presentatore Maurizio Socci alternatosi alla conduzione con l’assessore Elisabetta Torregiani-. Sul palco grandi protagonisti e belle storie, iniziate con ” Un canto per ricominciare” realizzato per raccogliere fondi da destinare alla costruzione di un centro aggregativo per i giovani. Giovani su cui puntare per la ripresa e lo sviluppo di un territorio martoriato dal sisma e che, dall’esempio di chi ce l’ha fatta, possono cogliere un bel segnale di sfida. Parole di speranza d’incitamento a non mollare, da tutte le ricchezze della Regione Marche rappresentate, simbolo del territorio e per il territorio, il cui valore è stato premiato con il Cassero d'Argento. A catturare l’attenzione l’indiscutibile bellezza dell’attrice Manuela Arcuri, che ha fatto da madrina alla serata fregiatasi della presenza del cantautore e percussionista Toni Esposito, dell’ex campione mondiale dei pesi medi Nino Benvenuti e del bravissimo duo Opera Pop.

IMG 20170804 225215861 800x600

Toni Esposito e la sua band

Intrattenimento, musica e spettacolo  a fare da cornice alla premiazione degli imprenditori scelti dalla giuria presieduta da Mauro Canil titolare di Fidea srl e presidente dell' S.S. Matelica Calcio

A ricevere il Cassero d’Argento, sono stati  National Service Company di Vincenzo Taffo, Fabrizio Curcio e Roberto Oreficini per la Protezione Civile Nazionale, NewTech, ASCOOP Cooperativa, LUBE, Luigi Formaggi Srl, Umani Ronchi vini,  Delsa. Smack Pubblicità.

Tra i personaggi cui la giuria del premio ha voluto rendere onore, c’erano Federico Maccari, amministratore delegato de La Pasta di Camerino, Sandro Tiberi, artigiano della carta realizzata a mano; la Provincia Autonoma di Bolzano nelle persone di Michele Di Puppo, Arno Kompatscher e Luis Durnwalder, l'imprenditore Brunello Cucinelli, re del cachemire, l'ex pugile campione del mondo Nino Benvenuti . Dulcis in fundo nella rosa dei premiati, l’Associazione Infiorata di Castelraimondo presieduta dall’imprenditore Sandro Parcaroli di Med.

IMG 20170805 240142376 800x600 2

Da sinistra Parcaroli, Arcuri, Pesarfini e le spose di Delsa

 

 Accolta favorevolmente dal pubblico la notizia della raccolta fondi del Macerata Opera festival a beneficio del Lanciano Forum.

Applausi scroscianti per l’esibizione del giovane musicista Andrea Cioli che ancora una volta ha saputo dimostrare tutto il suo talento. Note irresistibili quelle dei grandi successi di Toni Esposito che hanno scatenato la voglia di ballare, a testimoniare che la forza di rialzarsi è viva e reale.

 IMG 20170804 215903433 800x600

  Andrea Cioli

 “ Abbiamo grandi possibilità- ha detto l’imprenditore  Cucinelli, farcendo il suo intervento di erudite  citazioni- Se torniamo ad investire nella bellezza e nella creatività il mondo intero sarà affascinato da noi. Si può partire anche  da qualcosa di molto basso ma, prima di tutto, dobbiamo essere delle brave persone. Ripartiamo dall’anima, dal trasmettere positività  sentendoci  responsabili delle bellezze del mondo. Dobbiamo andare alla ricerca dei grandi ideali che abbiamo, perché vengono da una storia antica”.

IMG 20170804 223828353 800x600

                                        Brunello Cucinelli

Per Nino Benvenuti la partecipazione alla serata è stata una nuova occasione per incontrare l’ex compagno di guantoni Miro Riga, uno dei suoi amici più cari. L’ex campione mondiale conosce bene le Marche; nel 1954 veniva ad allenarsi a Porto Recanati e ha assicurato che il premio ricevuto a Castelraimondo troverà posto accanto a tutti gli altri trofei della sua carrera

IMG 20170804 234037821 1 800x600

 Da sinistra Vladiniro Riga, la vicesindaco Esperia Gregori e il campione Nino Benvenuti

IMG 20170804 233858 574x800

   l'assessore Torrregiani e Benvenuti

Orgoglioso di aver radunato tanti personaggi importanti per una serata di grande impatto,l’organizzatore Vladimiro Riga- “. Abbiamo cercato di portare una goccia nel grande mare delle eccellenze delle Marche, un piccolo contributo da parte nostra nel farle conoscere. La forza di reagire a quello che è successo dimostra che ci sono tutte le potenzialità per riuscire a vincere la sfida”.

IMG 20170804 233922 775x800

Protagonisti del parterre e delle premiazioni anche numerosi sindaci del territorio,

IMG 20170804 221208161 800x600

         Sindaci del territorio sul palco 

 

IMG 20170804 233548371 800x600

   Folla in piazza e corso Italia

“ Bellissima serata d’estate in un momento in cui più che mai si sente il bisogno di situazioni che facciano  pensare in positivo  – ha commentato il vicesindaco di Camerino Roberto Lucarelli - La nostra terra è da sempre segno di qualità e del saper fare e lo stiamo vedendo anche  in questi giorni di grande difficoltà. Il condividere è un bel segno di vicinanza e il vedere tanti amministratori della zona seduti vicini, è un bel segnale d’unione e della qualità di un territorio, gravemente ferito ma fortemente deciso ad andare avanti con competenza”.  

IMG 20170804 210924947 436x800 

                        Manuela Arcuri e Mauro Canil

 “ Un’idea brillante quella del sindaco Marinelli di ospitare un premio alle eccellenze marchigiane, aziende di tutti i livelli, da quelle più grandi a quelle composte da una sola persona,ma accomunate dal distinguersi per il lavoro che fanno e dal loro ’impegno per il territorio” Così  Mauro Canil presidente della giuria del premio. “ Da anni ospitiamo Marche in vetrina ma, questa volta, la situazione è particolare- ha detto il sindaco Marinelli- Fare ancora meglio è stato il nostro motto; abbiamo voluto  lanciare un messaggio di speranza un’’iniezione di fiducia a tutto il territorio”.  Onorata di premiare personaggi e imprese che hanno dato tanto, la stessa Manuela Arcuri:  “ Distinguersi e fare del bene al Paese in un momento di crisi e di grave difficoltà è qualcosa di prestigioso. Da questa serata si irradia un messaggio positivo e di incitamento rivolto ai giovani e alle loro potenzialità. A loro dico di essere determinati e crederci fortemente”,

Prova ne siano i risultati raggiunti da Federico Maccari, giovanissimo amministratore delegato dell’azienda di famiglia La pasta di Camerino, tra i premiati con il Cassero d’Argento. “ Mettiamo tanta passione sul lavoro che facciamo e questo  si traduce nel prodotto di alta qualità che ne esce, confezionato con materie prime italiane, e , proprio per questo, riconosciuto in tutto il mondo. Un anno difficile per un territorio che il sisma ha duramente colpito anche nella riduzione di posti di lavoro, il che ci  ha motivato a fare un investimento importante.per dare in questo senso un respiro al territorio L’azienda La Pasta di Camerino ha voluto dare un segnale e  Il prossimo 15 settembre inaugureremo ufficialmente il nuovo stabilimento e l’ampliamento della nostra azienda. Io e la mia famiglia siamo costantemente impegnati a cercare di  crescere e far sempre meglio. Ogni giorno ci dedichiamo a migliorare il nostro prodotto, il che ci permette di acquisire un numero sempre maggiore di consumatori. La ricerca continua riguarda anche nuove soluzioni e materie prime innovative come il farro, le farine integrali o i prodotti realizzati con semole particolari ad alto contenuto proteico. L’azienda realizza circa il 20 per cento del fatturato all’estero e i Paesi principali sono gli USA, Germania e Spagna, Attualmente i prodotti vengono esportati con successo anche in Brasile, Argentina,e ci accingiamo a conquistare anche il mercato russo” 

Carla Campetella

Fiastra, inaugurate nuove sedi per le attività commerciali

04 Ago 2017
451 volte

420 metri quadrati per la nuova sede di otto attività commerciali del comune di Fiastra localizzate a seguito del sisma in un piccolo parco commerciale realizzato alle porte del paese. Il costo dell’operazione è stato finanziato dalla Regione Marche con 277mila euro per sette esercizi, mentre una donazione ha permesso già da qualche mese il trasferimento ad un’ulteriore attività. Il presidente della Regione Luca Ceriscioli e l’assessore alla Protezione civile Angelo Sciapichetti, hanno preso part alla cerimonia di inaugurazione della nuova sede. Erano presenti all’evento il sindaco di Fiastra, Claudio Castelletti, il presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, rappresentanti delle forze dell’ordine, cittadini.

La più grande catastrofe che ha colpito i nostri territori dal dopo guerra – le parole del governatore Ceriscioli – Il rischio più grande era la dispersione delle comunità, a Fiastra oggi è un bel giorno perché si dimostra che tra infinite difficoltà è possibile ricostruire una vita sociale. La realizzazione nel centro di Fiastra di questo piccolo parco commerciale naturale racconta la voglia di ripartire e di far sapere che i nostri borghi seppur feriti tornano a vivere e sono pronti ad accogliere, come hanno sempre fatto, turisti e visitatori. La speranza si costruisce e oggi abbiamo messo un mattone importante”.

Abbiamo voluto fortemente questo piccolo centro commerciale diffuso – così il sindaco Castelletti – perché attorno agli esercizi commerciali riprende la quotidianità di gente che si incontra. Non è stato semplice, per trovare l’area adatta abbiamo dovuto sacrificare i giardini pubblici, ma senza una piazza la comunità di Fiastra non sarebbe stata la stessa. Un ringraziamento va a tutti quelli che si sono spesi per questo risultato”.

Oggi mettiamo un tassello per la speranza – fa eco il presidente della provincia Pettinari – nell’ottica della solidarietà e della coesione. Anche le comunità più piccole meritano la massima attenzione. C’è ancora molto da fare, ma insieme al territorio le istituzioni sostengono le comunità locali, a partire da quelle più colpite e più periferiche”.

In particolare le attività accolte nelle nuove sedi sono due ristoranti, un alimentari-macelleria, un bar, due studi tecnici, un’attività artigianale di confezioni, una lavanderia, per un totale di 420 metri quadrati. La delocalizzazione ha comportato oneri di urbanizzazione per complessivi 89mila euro, mentre il costo dei moduli è stato di 188mila euro. Nell’area attrezzata ci sono anche altri servizi, come le poste, una farmacia e una banca.

 

Fiastra 6

 

Fiastra 1

"Pasqui, un egocentrismo senza misura"

04 Ago 2017
764 volte

Suscita discussioni e reazione la notizia della decisione del sindaco di Camerino di assumere un dipendente “a tempo determinato e part-time 50% qualifica Istruttore direttivo amministrativo da inserire nell’ufficio di Staff del sindaco, ai sensi e per gli effetti dell’art.90 del D. Lgs. 267/2000, alle dirette dipendenze del Sindaco, che supporti e coadiuvi il Sindaco nel soccorso ed assistenza alla popolazione come tramite tra organo politico e collettività” e “che supporti il Sindaco nell’attuazione dei processi utili al superamento dell’emergenza sismica con particolare riferimento alla gestione dei rapporti con la cittadinanza e nell’attività di raccordo tra vertice politico e la base”

"Il sindaco continua ad anteporre proprio interesse personale a quello collettivo – sottolinea in una nota il Gruppo Consiliare “Comunità e territorio” - Ora ci chiediamo in questa situazione in cui l’ufficio tecnico è oberato di lavoro, invece di assumere una persona col solo scopo di aiutare il Sindaco a far passare i messaggi tra il vertice e la base nella fase di “emergenza” (a più di 8 mesi dal terremoto!), non sarebbe stato meglio inserire personale qualificato che potesse agevolare ed accelerare le pratiche relative alla messa in sicurezza, ai puntellamenti, alle demolizioni (che a Camerino non esistono), alle certificazioni richieste dall’Ufficio Speciale Ricostruzione ai fini delle concessioni dei contributi relativi alla ricostruzione leggera, che è partita in altri comuni e sembra ancora ferma a Camerino?”. “Tra l’altro – continua la nota - il Comune ha già a disposizione graduatorie da cui attingere soggetti per tale posizione, quindi perché indire un’altra selezione? E ancora, se la figura doveva servire a fronteggiare “l’emergenza” perché deliberare i primi di maggio e fare uscire la questione a metà luglio?”.

Chiude con alcuni interrogativi al primo cittadino il proprio intervento il gruppo consiliare di minoranza. “Al Sindaco – si legge - sono state proposte consulte, commissioni; ci sono camerti e non che si sono messi a disposizione per lavorare in Comune. Ma niente, solo rifiuti, pure mal motivati. E mentre i pochi tecnici comunali deputati alle pratiche relative al sisma, dopo quasi un anno, sono ancora accatastati negli uffici del CONTRAM o nei container, mentre le pratiche e le azioni concrete vanno a rilento, il Sindaco vede come priorità l’assunzione di una figura che curi e comunichi le Sue esternazioni alla popolazione. L'egocentrismo del Sindaco non ha misura”.

La metà degli inviti riservato alle imprese locali. La proposta di Confartigianato per la ricostruzione

04 Ago 2017
228 volte

Pochi giorni fa il Commissario Straordinario per la Ricostruzione, Vasco Errani, ha firmato una nuova ordinanza riguardante la rimodulazione delle modalità di selezione delle imprese interessate a partecipare ai bandi di gara per i lavori relativi agli edifici scolastici.

Lo scarso numero di imprese partecipanti ai bandi pubblici, come sottolineato da Errani, è infatti un problema effettivo che va però ricondotto al fatto che spesso, tra le imprese da sorteggiare per le gare d’appalto, ci sono molte aziende fuori Regione che rinunciano a partecipare proprio a causa di difficoltà oggettive, quali la distanza, la diseconomicità e le molteplici difficoltà nell’organizzazione del personale.

Confartigianato a tutela e supporto delle proprie imprese e soprattutto per velocizzare le fasi della ricostruzione post sisma, torna di nuovo sul tema con una proposta che risolverebbe anche il problema dell’esiguo numero di richieste di partecipazione ai bandi sollevato dal Commissario Errani.

Come previsto dalla Legge 45/2017 all’art.2, per l'affidamento delle opere di urbanizzazione, primaria e secondaria, connesse alla realizzazione delle strutture abitative d'emergenza (SAE), ovvero le cosiddette “casette”, le stazioni appaltanti possono derogare la scelta delle imprese per la partecipazione alle gare d’appalto pubbliche, anche nell'ambito degli elenchi regionali.

Accogliendo la proposta del Commissario Errani relativamente agli edifici scolastici che punta anche ad accelerare i processi della ricostruzione post sisma, Confartigianato chiede quindi che venga applicato lo stesso principio di deroga previsto dalla citata Legge, indistintamente per tutte le opere di ricostruzione pubblica, riservando gli inviti alle gare, se non alle sole imprese della Regione, almeno ad un 50% di esse.

Come appurato infatti dai risultati del nuovo progetto di Confartigianato “Imprese per la Ricostruzione” – afferma il Presidente provinciale, Renzo Leonori - ci sono moltissime aziende pronte per la ricostruzione, ne contiamo ben 300, numero in continuo aumento. Aziende locali, iscritte all’Anagrafe Antimafia, in regola con tutti i requisiti previsti, che non avrebbero nessuna delle difficoltà invece riscontrate dalle imprese fuori regione, e che vogliono ripartire e far ripartire il nostro territorio”.

Ospedale di Camerino- Organici e mantenimento:. Maccioni rassicura

04 Ago 2017
485 volte

 

 

 

Ha colto l'occasione di toccare più temi il direttore dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni, intervenuto a Camerino per la presentazione del nuovo primario di Ortopedia. Ad incalzarlo anche le domande rivoltegli dall'ex sindaco di Camerino Dario Conti. Rassicurazioni sono venute dalla discussione, sul mantenimento del presidio di Camerino e sulla copertura degli organici.

Dario Conti è tornato a chiedere un potenziamento della struttura sanitaria a servizio, non solo della città ma di un vasto territorio che comprende tutta la zona montana da Visso a Matelica

" Essere riusciti ad avere tre primari- ha detto Conti- significa che c'è considerazione per il nosocomio camerte. Più volte anche da sindaco ho sollecitato la regione ad un potenziamento della struttura che, ora che il terremoto ha devastato la realtà e la comunità, diventa ancora più importante. Tra poco- ha aggiunto- queste zone diventeranno un cantiere per la ricostruzione ed è fondamentale ricoprire i posti vacanti dei settori medici, paramedici, infermieristici; qualcuno dalla regione ha risposto che questa esigenza non c'è perchè ormai la popolazione è diminuita consistentemente. Credo che un politico o un amministratore non possa dare una risposta del genere. Tante persone che oggi si trovano ancora sulla costa, tra poco torneranno ad abitare le Sae e, se non completiamo l'organico, un domani queste stesse persone si ritroveranno senza un servizio sanitario efficiente".

" Per completare le piante organiche- ha detto Maccioni- ci stiamo adoperando. Per la Farmacia ad esempio, rispetto all'organico attuale,abbiamo considerato una dottoressa in più, All'Ufficio del Lavoro è stata chiesta poi la procedura per assumere magazzinieri , tramite ufficio di collocamento e, una procedura d'urgenza, per assumerne 4 a tempo determinato solo per l'ospedale di Camerino. Cercheremo così di ricoprire tutte le caselle e, anche se ci sono dei problemi oggettivi da affrontare,esperiremo tutte le procedure. Così è stato fatto anche a San Severino Marche dove il dott. Oddi, andato in pensione, il 1 agosto scorso è già stato sostituito da un nuovo chirurgo. Sono dunque in grado di dare la più ampia rassicurazione sul fatto degli organici da riempire e sostituire, perchè abbiamo un piano occupazionale deliberato dall'Asur regionale che ci autorizza su questo. Le difficoltà semmai riguardano il reperimento di alcune figure professionali come medici ginecologici, pediatri, medici per il Pronto Soccorso però, tutto sommato, credo che riusciremo a mettere a punto ogni settore".

Altra questione molto attuale quella dell'Ospedale Unico della provincia di Macerata che ha fatto nascere non pochi timori e molte voci di possibile chiusura del presidio di Camerino.

" Quanto all'Ospedale Unico – ha risposto Maccioni- essendo io non un semplice cittadino che esprime opinioni ma, fino al 1 agosto 2018, il direttore dell'Area Vasta 3, è chiaro che mi è richiesto attenermi agli strumenti programmatori dell'Azienda Regionale Asur e delle risorse che vengono messe a disposizione per la gestione (budget di 508 milioni di euro). Posso dire tuttavia che la semplificazione dell'organizzazione ospedaliera è da auspicare; è lì infatti che possiamo trovare le risorse da investire sul territorio. Con l'aumentare dei costi, per riuscire a fare di più occorre infatti ottimizzare e trovare risparmi, cosicchè le risorse che si liberano possano essere reinvestite sul territorio per affrontare le esigenze dei cittadini ( con maggiore attenzione dunque per le Rsa- Assistenza domiciliare- Disturbi mentali ecc.) e questo è quello che stiamo cercando di fare. L'Ospedale Unico di Area Vasta- ha spiegato ancora Maccioni- in sostanza significa di due farne uno ( tra Macerata e Civitanova) ma , da direttore di Area Vasta , posso dire che solo un pazzo può pensare di smantellare un ospedale sicuro, certificato e antisismico come quello di Camerino (tutelato anche dal decreto 70) che continuerà ad essere un importante punto di aggregazione e di riferimento di tutta una comunità. Non mi sembra che sia una Regione che sulla sanità stia arretrando, tagliando o cercando di risparmiareOrganici e mantenimento Ospedale. Maccioni rassicura

 

 

Ha colto l'occasione di toccare più temi il direttore dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni, intervenuto a Camerino per la presentazione del nuovo primario di Ortopedia. Ad incalzarlo anche le domande rivoltegli dall'ex sindaco di Camerino Dario Conti. Rassicurazioni sono venute dalla discussione, sul mantenimento del presidio di Camerino e sulla copertura degli organici.

Dario Conti è tornato a chiedere un potenziamento della struttura sanitaria a servizio, non solo della città ma di un vasto territorio che comprende tutta la zona montana da Visso a Matelica

" Essere riusciti ad avere tre primari- ha detto Conti- significa che c'è considerazione per il nosocomio camerte. Più volte anche da sindaco ho sollecitato la regione ad un potenziamento della struttura che, ora che il terremoto ha devastato la realtà e la comunità, diventa ancora più importante. Tra poco- ha aggiunto- queste zone diventeranno un cantiere per la ricostruzione ed è fondamentale ricoprire i posti vacanti dei settori medici, paramedici, infermieristici; qualcuno dalla regione ha risposto che questa esigenza non c'è perchè ormai la popolazione è diminuita consistentemente. Credo che un politico o un amministratore non possa dare una risposta del genere. Tante persone che oggi si trovano ancora sulla costa, tra poco torneranno ad abitare le Sae e, se non completiamo l'organico, un domani queste stesse persone si ritroveranno senza un servizio sanitario efficiente".

" Per completare le piante organiche- ha detto Maccioni- ci stiamo adoperando. Per la Farmacia ad esempio, rispetto all'organico attuale,abbiamo considerato una dottoressa in più, All'Ufficio del Lavoro è stata chiesta poi la procedura per assumere magazzinieri, tramite ufficio di collocamento e, una procedura d'urgenza, per assumerne 4 a tempo determinato solo per l'ospedale di Camerino. Cercheremo così di ricoprire tutte le caselle e, anche se ci sono dei problemi oggettivi da affrontare, esperiremo tutte le procedure. Così è stato fatto anche a San Severino Marche dove il dott. Oddi, andato in pensione, il 1 agosto scorso è già stato sostituito da un nuovo chirurgo. Sono dunque in grado di dare la più ampia rassicurazione sul fatto degli organici da riempire e sostituire, perchè abbiamo un piano occupazionale deliberato dall'Asur regionale che ci autorizza su questo. Le difficoltà semmai riguardano il reperimento di alcune figure professionali come medici ginecologici, pediatri, medici per il Pronto Soccorso però, tutto sommato, credo che riusciremo a mettere a punto ogni settore".

Altra questione molto attuale quella dell'Ospedale Unico della provincia di Macerata che ha fatto nascere non pochi timori e molte voci di possibile chiusura del presidio di Camerino.

" Quanto all'Ospedale Unico – ha risposto Maccioni- essendo io non un semplice cittadino che esprime opinioni ma, fino al 1 agosto 2018,il direttore dell'Area Vasta 3, è chiaro che mi è richiesto attenermi agli strumenti programmatori dell'azienda regionale Asur e delle risorse che vengono messe a disposizione per la gestione (budget di 508 milioni di euro). Posso dire tuttavia che la semplificazione dell'organizzazione ospedaliera è da auspicare; è lì infatti che possiamo trovare le risorse da investire sul territorio. Con l'aumentare dei costi, per riuscire a fare di più occorre infatti ottimizzare e trovare risparmi, cosicchè le risorse che si liberano possano essere reinvestite sul territorio per affronatre le esigenze dei cittadini ( con maggiore attenzione dunque per le Rsa- Assistenza domiciliare- Disturbi mentali ecc.) e questo è quello che stiamo cercando di fare. L'Ospedale Unico di Area Vasta- ha spiegato ancora Maccioni- in sostanza significa di due farne uno ( tra Macerata e Civitanova) ma , da direttore di Area Vasta , posso dire che solo un pazzo può pensare di smantellare un ospedale sicuro, certificato e antisismico come quello di Camerino (tutelato anche dal decreto 70) che continuerà ad essere un importante punto di aggregazione e di riferimento di tutta una comunità. Non mi sembra che sia una Regione che sulla sanità stia arretrando, tagliando o cercando di risparmiare. Sta cercando di ottimizzare, perché tra  fondi finanziari nazionali, europei, pareggio di bilancio, la Regione sa che è molto difficile  mettere risorse aggiuntive per aumentare le spese correnti annuali. L’esigenza è dunque quella di risparmiare all’interno delle strutture dove c’è un’organizzazione che può essere resa più efficiente, per investire risorse ".

Per quel che riguarda la situazione del personale all’ospedale di Camerino, a detta del dirigente amministrativo AV3 Fabrizio Trobbiani,partendo dal 2016 si è avuto un Piano Occupazionale che di fatto prevedeva il cento per cento del Turn Over e, quello del 2017 prevede lo stesso il cento per cento del T.O.cui si aggiungono assunzioni straordinarie per le aree terremotate. Il Piano 2017 recupera anche tutte le mancate assunzioni del 2016 dovute a procedure andate a vuoto o che non si è riusciti a portare a termine. “ Oggi- ha detto Trobbiani- qualsiasi unità, dal personale O.S. al primario, salvo problemi tecnici, potenzialmente siamo in grado di ricoprire i posti  dal giorno dopo.  In generale e per il territorio, nel frattempo c’è stata una grossa riorganizzazione e sono state ridisegnate le strutture e ciò ha comportato ad esempio la realizzazione di una Diabetologia per territorio che è struttura a se stante che verrà implementata e una  Oncologia per il territorio che non è più una diramazione ma struttura a sè.per la quale andranno ridistribuite le risorse dell’unica struttura che c’era a Macerata, cosa che si sta già facendo”. Contestualmente al Piano Occupazionale inoltre Trobbiani  ha riferito che l’altro obiettivo è ridurre, se non superare totalmente,il precariato. “ Questo significa che stiamo stabilizzando posti- ha spiegato – Se parliamo ad esempio della Medicina di Camerino, dal 1 agosto è in linea tutta l’equipe di 5 medici più il primario a tempo indeterminato e, lo stesso per la Chirurgia dove il posto del dott. Oddi è stato ricoperto così come verrà fatto per il dott. Manzi che ha deciso di sviluppare la sua carriera in altra sede e che da settembre verrà sostituito da altro chirurgo. Con l’assetto funzionale che andremo a fare verrà definita la dotazione della Pianta Organica di Camerino rispetto a San Severino mentre è già stato richiesto un progetto al Dipartimento di Chirurgia affinché la Direzione faccia una proposta. .Con  l’assetto funzionale che verrà fatto a settembre, Camerino dovrà avere un certo numero di chirurghi e possibilmente in pianta stabile. Per Ginecologia a Camerino e San Severino il problema è il reperimento dei medici ginecologi che finora non abbiamo trovato. La scorsa settimana si è conclusa una graduatoria a Fermo e già siamo in accordi per cercare di coprire queste mancanze che sono riferite soprattutto all’ospedale di San Severino. Altre sofferenze riguardano Radiologia, e il 7 agosto ci sarà il colloquio  del concorso per l’assunzione a tempo determinato e ci auguriamo di poter assumere il radiologo in più che serve per Camerino e San Severino dopo due graduatorie bruciate”.

La dotazione base di personale O.S. e infermieristico dell’ospedale di Camerino, secondo quanto riferito dalla Dott,ssa Buccolini è a posto. “ La proposta- ha detto – doveva venire con la riorganizzazione del Pronto Soccorso ma dobbiamo lavorarci con la riorganizzazione, recuperando quelle risorse che al momento non ci sono. Nel frattempo però abbiamo garantiti i servizi sia del Pronto Soccorso che della Rianimazione che fanno gruppo unico. Abbiamo valutato i campi di lavoro in confronto ad altre realtà e stiamo lavorando per garantire di notte un servizio più efficiente”.

Oltre 300 funzionari dei Comuni al corso per ricostruzione organizzato di Anci e Regione Marche

03 Ago 2017
115 volte

Oltre 300 funzionari dei comuni del cratere tra personale tecnico, amministrativo e contabile impegnato nella rendicontazione, hanno partecipato a Macerata, nei locali messi a disposizione dall’università, al corso organizzato da Anci Marche e Regione Marche. Divisi per competenze in tre aule, il corso è stato tenuto da funzionari della Regione Marche, del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e dello staff del Commissario Straordinario Vasco Errani. Il significato dell’iniziativa è stato presentato dal presidente di Anci Marche, Maurizio Mangialardi e dall’assessore alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti. 

“Si è iniziato un cammino formativo congiunto tra Anci Marche e Regione Marche in considerazione della chiarezza del quadro normativo che tiene conto dei Decreti Leggi, delle ordinanze e delle leggi regionali. Prevederli quando gli strumenti normativi non erano approvati non avrebbe avuto senso” ha detto il presidente Mangialardi. “D’intesa con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Boschi e con il Commissario Errani – ha aggiunto - si è lavorato per organizzare questi corsi che consentono, specialmente a coloro che sono stati assunti proprio per rafforzare la capacità di risposta dei Comuni, di essere adeguatamente formati”. “La straordinaria partecipazione voluta dai sindaci, anche oltre le attese – ha concluso Mangialardi – rimarca la volontà da parte di tutti i livelli istituzionali di essere a disposizione della comunità per accelerare la ricostruzione”. “Si tratta – ha aggiunto l’assessore Sciapichetti – del primo di una serie di incontri che riguardano l’applicazione concreta delle norme nell’interesse della ricostruzione e delle comunità. Ne seguiranno altri a conferma della sinergia forte tra Regione Marche ed Anci Marche che si sta concretizzando anche attraverso riunioni periodiche convocate per fare il punto sulla situazione”. All’organizzazione dell’evento hanno lavorato congiuntamente il segretario generale della Regione Marche, Deborah Giraldi, il direttore di Anci Marche, Marcello Bedeschi e il Responsabile Area Sicurezza e Protezione Civile di Anci Marche, Roberto Oreficini.

corsimc

 

Ricostruzione, Cabina di regia approva il primo stralcio del piano delle opere pubbliche.100 interventi per circa 128 milioni

03 Ago 2017
100 volte

Cento interventi per un importo complessivo di 127 milioni e 942 mila euro per le zone colpite dal sisma. È quanto prevede il primo stralcio del Piano delle opere pubbliche, approvato oggi – a Roma - dalla Cabina di regia, a favore dei territori delle province di Macerata, Ascoli Piceno, Fermo e Ancona. Il piano comprende le opere segnalate, come prioritarie, dai sindaci e le otto sanitarie concordate, nei giorni scorsi, con i primi cittadini. Complessivamente sono 80 gli interventi che ricadono nelle zone del cratere e 20 quelle fuori cratere. Le prime richiedono un investimento di 110 milioni di euro, le seconde di 17 milioni. Nella provincia di Ancona sono previsti 3 interventi (tutti nel cratere), ad Ascoli Piceno 19, a Fermo 25 e a Macerata 53. Fino a oggi la Regione Marche ha dato il via libera a quattro piani delle opere pubbliche (di cui due riguardano le scuole, di circa 187 milioni), per un totale di 332 milioni di euro. "Prosegue l'iter per la ricostruzione pubblica – ha dichiarato il presidente Luca Ceriscioli - Nella Cabina di regia di oggi sono stati fatti passi avanti anche per il piano dei beni culturali redatto dal Ministero che sarà il prossimo a essere approvato. Un elenco di opere per circa 150 milioni complessivamente destinate alle quattro regioni colpite dal sisma.".

 

Camerino- Scuole: doppi turni scongiurati

03 Ago 2017
905 volte

 

Lo scorso 28 luglio si è svolta la riunione convocata al fine di individuare gli edifici che provvisoriamente potranno essere utilizzati a settembre per l’inizio delle lezioni  delle scuole medie ed elementari  cittadine. Genitori e bambini possono tirare un sospiro di sollievo in quanto i paventati doppi turni non ci saranno. A confermarlo è lo stesso sindaco diCamerino Gianluca Pasqui: “ Il lavoro era proprio diretto a scongiurare i doppi turni che sicuramente non avrebbero facilitato il percorso di studi degli alunni nè la quotidianità delle famiglie.  Siamo in sostanza riusciti ad evitarne l’effettuazione e, in un momento così difficile, ritengo sia un buon risultato  perché quando si parla di educazione e degli studi dei nostri figli la priorità deve essere assoluta. In perfetta sintonia e sinergia con il dirigente scolastico prof. Maurizio Cavallaro, si è trovato dunque un punto di incontro. L’ amministrazione comunale  ha messo a disposizione le strutture del D’Avack e la  nuovissima sede del Salvo D’acquisto. Ora sarà il dirigente a decidere la distribuzione delle classi  e delle scuole ( medie ed elementari ) in quegli edifici. Una volta che sarà chiara la scelta – sottolinea il primo cittadino- provvederemo subito ad inviarne comunicazione ufficiale alle famiglie.  Da un lato dunque il pericolo scampato dei doppi turni, dall’altro certezza per la costruzione della scuola definitiva.  E’ un percorso concreto che va avanti e che ci aiuterà per un futuro che sicuramente non sarà semplice. Come sistemazione provvisoria avremo  intanto le due soluzioni del D’Avack, che rimane punto strategico, e il nuovissimo Salvo D’Acquisto che è forse l’edificio più sicuro della nostra città. Non resta che conoscere le decisioni che prenderà a breve il dirigente Cavallaro”.

Valfornace -Pronta a settembre la nuova scuola per infanzia primaria e secondaria. Salini Impregilo dona la struttura

03 Ago 2017
79 volte

Per il nuovo anno scolastico, i bambini del comune di Valfornace in provincia di Macerata, potranno andare a scuola nel nuovo plesso scolastico "Ugo Betti". La vecchia scuola di Valfornace, comune nato recentemente dalla fusione tra Pievebovigliana e Fiordimonte, è stata resa inagibile dal terremoto del 26 e del 30 ottobre 2016.
    Salini Impregilo ha deciso di donare una nuova struttura dotata di 15 aule per i bambini e i ragazzi della scuola dell'infanzia, della primaria e della secondaria.
    L'istituto sorgerà nelle vicinanze di piazza Vittorio Veneto, nel cuore del paese, e occuperà un'area totale di oltre 500 metri quadrati. Sarà in grado di accogliere circa 100 alunni nei 17 locali che comprendono sia aule sia spazi comuni. Il 6 settembre è prevista la cerimonia di inaugurazione alla presenza dell'ad di Salini Impregilo, Pietro Salini.

Fonte Ansa

Il Ponte di Piediripa verrà restituito con largo anticipo. 24 giorni per i lavori invece di 70

03 Ago 2017
77 volte

Procedono spediti, nel più ampio rispetto del cronoprogramma, i lavori di messa in sicurezza del ponte di Piediripa. L'opera verrà infatti conclusa, salvo imprevisti, in 24 giorni rispetto ai 70 del contratto. Completata l'asfaltatura si procederà immediatamente con la posa in opera dei nuovi giunti. Si conferma, pertanto, in tempi record l'ultimazione dei lavori per l'11 di agosto prossimo.

Coldiretti Marche- Allerta caldo per gli animali, crollano produzione latte e formaggio

03 Ago 2017
83 volte

Bollino rosso fino a domenica 5 agosto nelle stalle marchigiane, con il caldo che aumenterà lo stress per gli animali e porterà un ulteriore calo di produzione di latte e formaggi. A lanciare l’allarme è la Coldiretti regionale sulla base dei dati Ucea, secondo i quali l’allerta massima interesserà dall’intera provincia di Pesaro Urbino alla fascia collinare e costiera del territorio di Ancona fino a tutta la fascia litoranea delle altre province. Oltre ai rischi per gli animali, il fenomeno porta ad un aumento dei costi per gli allevatori, per i maggiori consumi di acqua ed energia oltre che per un’alimentazione ad hoc per le mucche, ricca di sali minerali e altre sostanze utili a contrastare l'afa. Ma continua a calare anche la produzione di latte, -30 per cento rispetto alla norma, mentre il caldo assedia anche gli ovili, dove il crollo è addirittura del 50 per cento, con i pastori che sono stati costretti a smettere di mungere due mesi prima del normale. Un fenomeno, spiega Coldiretti, che si ripercuote anche sulla produzione di formaggio pecorino e che è principalmente legato alla mancanza di fieno fresco, con le temperature record che hanno “bruciato” fino al 50 per cento dei foraggi per l’alimentazione degli animali. Ma gli allevatori sono in difficoltà anche a garantire la stessa acqua per i capi, con il terremoto che ha “spostato” le falde idriche, lasciando all’asciutto molte aziende.

Siccità- Ai minimi storici la portata del fiume Potenza

03 Ago 2017
66 volte

Scarse precipitazioni e temperature elevate fanno scattare lo stato di allerta a San Severino Marche dove il fiume Potenza è ai minimi storici. I dati relativi alla portata dell’alveo, raccolti dal gruppo comunale di Protezione Civile che monitora ogni quindici giorni la situazione, sono da semaforo giallo. L’asta idrometrica, posta sotto il ponte di via Varsavia, ha visto registrare, nell’ultimo rilievo del 30 luglio scorso, una portata di appena 42 centimetri. Lo scorso anno la portata era di 50 centimetri, stesso valore del 2015. Ma nel 2014 il livello delle acque del Potenza era a ben 62 centimetri.  Analoga situazione alla data del 15 luglio quanto la portata era a quota 44 centimetri, una ventina di centimetri in meno rispetto lo scorso anno e dieci in meno rispetto al 2015. Nel 2014, lo stesso giorno, la portata dell’acqua era di 62 centimetri. Molto più simile agli anni precedenti i risultati del monitoraggio del 30 giugno con l’asta idrometrica ferma sui 56 centimetri negli ultimi tre anni. Basso il livello delle acque del Potenza il 15 giugno quando la lettura ha registrato 54 centimetri contro i 64 centimetri del 2016, i 58 centimetri del 2015 e i 66 centimetri del 2014.

Se i valori dovessero continuare a scendere sarebbe a rischio la fauna ittica e l’intero ecosistema fluviale a essa connesso. Le cose non sembrano comunque destinate a cambiare nelle prossime ore visto che il picco di caldo proseguirà.

Rimangono in vigore, però, i divieti all’uso non sanitario dell’acqua. Il sindaco di San Severino Marche ricorda che su tutto il territorio comunale vige il divieto di utilizzo dell'acqua proveniente dagli acquedotti pubblici, comprese fontane e lavatoi delle frazioni e della città, per usi diversi da quelli strettamente domestici, con esclusione assoluta di ogni altro uso quale quelli per innaffiamento di orti e giardini, per l'irrigazione agricola, per lavaggio autovetture, per riempimento o integrazione di piscine e, comunque, per qualsiasi ulteriore uso che possa considerarsi improprio. Ai soli titolari di concessioni di uso industriale, commerciale ed agricolo, è consentita l’utilizzazione dell’acqua per usi specifici. Raccomandando di evitare ogni dannoso spreco si ricorda che sono previste sanzioni per chi contravverrà alla norma.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo