" Centro storico gravemente danneggiato" Nuovo scenario a San Severino Marche

22 Nov 2016
411 volte

 

Il Comune di San Severino Marche, grazie anche alla collaborazione dei verificatori della Protezione Civile regionale e nazionale, del personale messo a disposizione dalla Regione Emilia Romagna e dei tanti tecnici volontari, ha avviato la ricognizione a tappeto in diverse zone della città per la verifica degli effetti del sisma del 30 ottobre scorso.

“L’indagine, che viene svolta in modo massivo grazie a diverse squadre Fast e Aedes - spiega il sindaco, Rosa Piermattei - sta delineando uno scenario che non ci aspettavamo da cui emerge un dato su tutti: solo il 42% dei 211 edifici esaminati in tre giorni è risultato agibile. Fino ad oggi credevamo che il terremoto avesse risparmiato il centro storico e, invece, le verifiche ci stanno dicendo l’esatto contrario”.

Il lavoro dei tecnici è molto articolato ed è suddiviso per macro gruppi di attività. Due le fasi dell’organizzazione: la prima mira a certificare quelli che sono gli edifici agibili, la seconda ad approfondire lo studio delle strutture non agibili e a rilevare il grado di danno per avviare, poi, le misure conseguenti.

“Per i fabbricati che risultano non agibili, l’ultima fase – spiega l’ing. Enrico Altran, coordinatore delle attività tecniche verso i clienti e quelle di ingegneria sui servizi a rete della società di servizi pubblici locali per le province di Trieste, Gorizia, Udine e Padova – si conclude con l’emissione di un’ordinanza da parte del sindaco. Spesso si tratta di un’ordinanza di sgombero o, se vi è necessità, anche di immediata messa in sicurezza dell’edificio. Questa è una tappa fondamentale per i rimborsi ma anche per avviare tutto il sistema degli aiuti, a partire dai contributi per l’autonoma sistemazione o l’accoglienza in alberghi e in altre strutture”.

Le prime zone della città interessate dai sopralluoghi dei tecnici sono state quelle del centro storico, del rione Di Contro e, nelle ultime ore, del quartiere Settempeda. Seguiranno l’area del Glorioso e il quartiere Scaloni. Intanto si è già all’opera per pianificare le verifiche nelle frazioni.

“Al Comune sono state presentate quasi 4mila domande di verifica di agibilità - spiega ancora il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei – Grazie all’aiuto che ci è stato messo a disposizione dal servizio nazionale di Protezione Civile, con l’invio di un supporto tecnico e logistico dalla Regione Emilia Romagna e, ancora prima, dalla Regione Marche, siamo riusciti ad organizzare un lavoro che è realmente immane. Dopo lo svolgimento di questa prima ricognizione andranno raccolti i risultati e, successivamente, dovranno essere pianificate le azioni per la messa in sicurezza degli edifici. A queste seguirà, ovviamente, la ricostruzione vera e propria”.

Il Comune di San Severino Marche comunica infine che a breve verranno elaborate le prime dichiarazioni di agibilità degli edifici. I richiedenti saranno contattati da personale tecnico e di segreteria e invitati a ritirare le stesse presso l’ufficio della Polizia Municipale

Aicpe onlus dona fondi alla Cri di Visso

22 Nov 2016
122 volte

Un contributo per aiutare le popolazioni di Visso in difficoltà dopo il terremoto. È il senso di un'iniziativa di Aicpe Onlus, che fa parte dell'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica dedicata alla beneficenza e al volontariato, che ha raccolto fondi tra i propri soci per aiutare le zone terremotate.
    ''Grazie alla generosità dei nostri soci sono stati raccolti 6 mila euro che abbiamo destinato al Comitato della Croce Rossa Italiana di Visso'' dice Marco Stabile, presidente di AicpeOnlus. ''Abbiamo scelto di aiutare questa zona nei monti Sibillini che è rimasta un pò fuori dai riflettori: qui le scosse non hanno fortunatamente fatto vittime, ma gli edifici sono danneggiati o crollati e la maggior parte della gente ha dovuto andarsene''. A Visso il 70% delle case è inagibile, le altre devono ancora essere visionate.
   

Caldarola: schede Fast procedono velocemente. Per case agibili presto revoca ordinanza e rientro da alberghi costa

22 Nov 2016
1433 volte

Procedono spedite a Caldarola le schede Fast ; molte sono le case dichiarate agibili, per

questo motivo il sindaco Luca Maria Giuseppetti emetterà la revoca dell'ordinanza con la quale

molti dei caldarolesi erano stati trasferiti nelle località costiere. Una volta revocata l'ordinanza

i cittadini di Caldarola avranno a disposizione diversi giorni per poter sistemare i dettagli e

fare rientro a casa lasciando gli alberghi. Il sindaco ha ritenuto opportuno avvisare già i suoi

cittadini che, una volta preso il provvedimento,tempo una settimana  non avranno più le

agevolazioni comprendenti vitto e alloggio. Ciò vale comunque soltanto per chi ha la casa

dichiarata agibile. Per gli altri resta in piedi l'accoglienza finora ricevuta.

Nel frattempo continuano ad arrivare nuove donazioni e la cosa più emozionante è che

sono in modo particolare i più piccoli ancora una volta a dimostrare una particolare

empatia verso i loro coetanei. Questa volta i bambini della scuola materna Raffaello

Sanzio di Bologna hanno donato giochi per i baby caldarolesi, doni che saranno

consegnati una volta riaperta la scuola.

Altri segnali di affetto e vicinanza arrivano questa volte alle monache canonichesse

regolari lateranensi. Come noto il monastero e la chiesetta non sono stati risparmiati dal

terremoto, anzi entrambe le strutture sono tra le più danneggiate. Le 12 monache sono

state per diversi giorni ospiti di un privato, poi alcune sono state mandate a Roma dal

Vescovo, altre invece, particolarmente attaccate al territorio di Caldarola,  hanno deciso di

restare nonostante i disagi. Saputo di loro in Emilia Romagna, regione da subito fondamentale

nell'organizzazione di ogni aspetto anche pratico, le Clarisse di Imola hanno deciso di avviare

un gemellaggio e in breve faranno arrivare a Caldarola una casetta di legno per non farle

allontanare dal loro Convento.

Ha un vincitore il contest " Un logo per IoNonCrollo"

21 Nov 2016
403 volte

Una carta stilizzata della provincia di Macerata e del territorio di Camerino, con un cuore sovrapposto, è il disegno che si è aggiudicato il contest "Un Logo per IoNonCrollo", lanciato dall'associazione omonima nata a Camerino all'indomani del terremoto di ottobre. Il logo è stato disegnato da Antonello Ragone, e scelto con il supporto dei Pirati Grafici, la community di grafici, web designer e fotografi che affianca i volontari di IoNonCrollo.
    ''Tra tutte le proposte - dice l'associazione - la scelta è caduta su quella di Ragone perché più di ogni altro è riuscito a cogliere il senso profondo del nostro legame con il territorio, evidenziando il punto dal quale siamo partiti senza escludere l'intero territorio che l'associazione si prefigge di custodire, proteggere e ricostruire, con particolare riguardo al comune di Camerino e ai comuni dell'Alto Maceratese.

Terremoto- 5 chef stellati per i Sibillini. Dal vino ai tartufi 15 aziende presenti per evento 2 /12

21 Nov 2016
263 volte

Hanno risposto in 15 dai Sibillini, per miele, carne, formaggi, salumi, tartufi, patate, castagne, vino, legumi, funghi: hanno detto sì all'idea dei 5 chef stellati che il 2 dicembre nei loro ristoranti daranno vita ad una serata 'oltre la beneficenza', tutta dedicata alle meraviglie enogastronomiche della zona. La serata degli chef alla Magione Papale dell'Aquila (Zonfa), all'Hotel Hassler di Roma (Apreda), al Contraste di Milano (Perdomo) così come al Duomo di Ragusa (Sultano) e l'Imbuto di Lucca (Tomei) metterà in tavola prodotti certificati, presidi di qualità, frutto del lavoro di piccole realtà aziende locali. Tra le aziende partner della serata 'stellata' ci sono la Varnelli, i vini della Belisario, salumifici semi paralizzati dal sisma ma ancora in attività, produttori ed aziende agricole.

Emergenza viabilità a Caldarola- Appello all'Anas del sindaco " Riaprire Sp 16 in zona rossa, e nuova bretella"

21 Nov 2016
1454 volte

Dal sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti un appello "all'Anas alla Regione, al ministero delle Infrastrutture perché il paese possa riacquistare un minimo di transitabilità'' " Caldarola- dichiara il primo cittadino  ''ha il 65% delle case inagibili, così come il Municipio, tutte le chiese del centro storico, il teatro, ma l'emergenza si chiama anche viabilità: dobbiamo riaprire, anche a senso unico, la Sp 16 che attraversa il centro storico, mettendo in sicurezza o abbattendo i palazzi pericolanti. Ma serve anche una bretella laterale di scorrimento, altrimenti sarà inutile riportare la gente a vivere qui nei prossimi mesi''.. La bretella era già indicata nel Piano regolatore generale: si tratta  di "un tracciato lungo un km, dai costi contenuti''. La riapertura della Sp Caldarola-Belforte sarebbe già un passo avanti, ma da sola ''non basterà'' a superare l'isolamento. ''Oggi ci sono percorsi auto di 100 metri che si allungano fino a 5 km per raggiungere la meta desiderata''.
   

Macerata- Celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dell'Arma dei Carabinieri

21 Nov 2016
125 volte

A Macerata  presso la caserma intitolata al Magg. Pasquale Infelisi, sede del Comando

Provinciale Carabinieri di Macerata, diretto dal Colonnello Stefano Di Iulio, è stata celebrata la tradizionale ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, con la SS Messa officiata dal Vescovo di Macerata Mons. Nazzareno Marconi.

La cerimonia, per quest’anno, considerato il recente evento sismico che hainteressato il territorio della Provincia, si è tenuta in caserma e ha visto la partecipazione della Signora Piermanni, vedova del Maresciallo Sergio Piermanni, caduto nell’adempimento del dovere a Civitanova Marche il 18 maggio 1977, di una rappresentanza dei Carabinieri di tutti i Comandi dipendenti dal Provinciale, nonché dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Mons. Nazzareno Marconi durante l’omelia ha rivolto sentite espressioni di gratitudine per la quotidiana attività istituzionale svolta dall’Arma, ringraziando in modo particolare il Colonnello Di Iulio per l’attività di assistenza e soccorso ai tanti cittadini colpiti dal terremoto ed anche per i servizi di vigilanza svolti nell’ultimo anno, che hanno consentito di concludere il Giubileo in totale serenità.

Il 21 novembre, viene celebrata la “Virgo Fidelis”, che è stata solennemente proclamata Celeste Patrona dell’Arma dei Carabinieri dal Sommo Pontefice Pio XII l'11 novembre 1949, quale altissimo riconoscimento della tradizionale fedeltà dei Carabinieri alle patrie istituzioni e al dovere, per il bene comune. Contestualmente viene commemorata la “Giornata dell’Orfano”, dedicata a tutti gli orfani dei Caduti, e il 75° Anniversario della “Battaglia di Culqualber”, che vide mobilitato in terra d’Africa il 1° Battaglione Carabinieri e Zaptiè, che si sacrificò in una delle ultime e più cruente battaglie, scrivendo una delle pagine più gloriose ed eroiche dell’Arma, per la quale venne conferita alla Bandiera la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, con la seguente motivazione:

“Glorioso veterano di cruenti cimenti bellici, destinato a rinforzare un

caposaldo di vitale importanza, vi diventava artefice di epica resistenza. Apprestato

saldamente a difesa d’impervio settore affidatogli, per tre mesi affrontava con

indomito valore la violenta aggressività di preponderanti agguerrite forze, che

conteneva con audaci atti controffensivi, contribuendo decisamente alla vigorosa

resistenza dell’intero caposaldo, ed infine, dopo aspre giornate di alterne vicende, a

segnare, per l’ultima volta in terra d’Africa, la vittoria delle nostre armi.

Delineatasi la crisi, deciso al sacrificio supremo, si saldava graniticamente agli

spalti difensivi e li contendeva al soverchiante avversario in sanguinosa, impari

lotta corpo a corpo, nella quale comandante e Carabinieri, fusi in un sol eroico

blocco, simbolo delle virtù italiche, immolavano la vita perpetuando le gloriose

tradizioni dell’Arma – Culqualber A.O. agosto-novembre 1941”.

Form e Luigi Maio in scena con Pierino e il lupo nel tendone di Belforte per gli alunni delle scuole terremotate

20 Nov 2016
125 volte

Riprende la scuola, riparte la didattica e anche la FORM contribuisce a questa ripartenza. Mercoledì 23 novembre, alle 10.30, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana si esibirà in un luogo insolito: un tendone allestito nel piccolo comune di Belforte del Chienti,  In scena Pierino e il lupo, la celeberrima favola sinfonica, op. 67, di Prokof’ev, un grande classico della letteratura musicale per i più giovani.

Opera dalla grande valenza didattica verrà proposta agli studenti della scuola media che, in questi giorni, stanno cercando di riprendere la propria vita, tornando sui banchi di scuola. Il concerto, aspetto non secondario, porterà anche allegria e sollievo dopo questo mese terribile per loro. Quella dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, realizzata in accordo con l‘Istituto Comprensivo “Simone de Magistris” di Caldarola e la collaborazione del Comune di Belforte del Chienti, è la prima iniziativa di carattere culturale-didattico che viene organizzata a favore delle giovani generazioni.

Il concerto viene offerto in forma gratuita alla popolazione studentesca dei Comuni di Belforte, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Serrapetrona gravemente colpiti dal sisma, che si raccoglierà nel tendone di Belforte del Chienti, luogo di ritrovo di una comunità ferita bisognosa di ricostruire non solo case, chiese, scuole, strade, ma anche spazi comuni che ridiano il senso della collettività.

In questo tendone che nelle ultime settimane è servito da mensa, ora si affaccia la musica.

La FORM viene accompagnata dal “musicattore” Luigi Maio. Già acclamato in passato dal pubblico marchigiano per le sue originali e divertenti esibizioni, Maio entrerà in scena dopo le briose note introduttive della Sinfonia da Il barbiere di Siviglia di Rossini per incantare e trascinare gli spettatori con la sua energia e la sua simpatia.

Avventura, fantasia, coraggio e bontà d’animo raccontati da una musica bellissima ed emozionante. Questo è Pierino e il Lupo, fiaba musicale fra le più amate dai bambini, scritta nel 1936 dal grande compositore russo Sergej Prokof’ev su libretto, proprio per divertire i piccoli e nello stesso tempo per introdurli alle magie della “tavolozza orchestrale”. Il musicista attribuì infatti ad ogni personaggio della storia un motivo identificativo ricorrente, o leitmotiv, affidandolo a un determinato strumento o gruppo strumentale: al flauto il motivo dell’uccellino, all’oboe quello dell’anitra, agli archi quello di Pierino e così via. 

Per Luigi Maio, il poliedrico artista genovese che ha coniato per sé il termine di “musicattore” a sintetizzare la sua multiforme natura di attore, musicista, autore e cantante, Pierino e il Lupo rappresenta un vero e proprio “cavallo di battaglia”. L’opera di Prokof’ev rappresenta una delle sue performance più apprezzate insieme a quella de L’Histoire du Soldat di Stravinskij, che gli hanno valso importanti riconoscimenti in ambito internazionale (tra le altre cose, Maio è testimonial UNICEF e rappresentante della Fondation Igor Stravinsky di Ginevra in Italia). Ad oggi è uno dei massimi specialisti a livello mondiale del Teatro musicale da Camera – e Sinfonico, secondo la sua personale definizione di genere. 

Fiamme sotto l'Ircer di Recanati.Cassonetti a fuoco-Evitata un'esplosione

20 Nov 2016
113 volte

Fiamme sotto la sede della Fondazione Ircer a Recanatiche gestisce case di riposo e centri sociali. I vigili del fuoco sono intervenuti per l'incendio di due cassonetti di rifiuti indifferenziati e carta proprio scoppiato proprio sotto la sede dell'Icer in viale Kennedy. I vigili del fuoco intervenuti con un'autopompa e 5 unità della sede centrale di Macerata hanno spento le fiamme e scongiurata un'esplosione: da un contatore andato a fuoco infatti fuoriusciva metano.Nessuno è rimasto ferito; ingenti i danni alle strutture murarie dell'edifico. 

Coldiretti: nelle Marche Novembre bollente ,3,1 gradi in più, piogge -67%

20 Nov 2016
295 volte

E’ un novembre anomalo quello che si sta vivendo nelle Marche con temperature superiori di 3,1 gradi al normale e un crollo delle precipitazioni del 67 per cento. Ad affermarlo è un’analisi della Coldiretti regionale sulla base dei dati Assam, secondo i quali la temperatura media di questa prima parte del mese è stata di 12,6 gradi, contro i 9,5 dell’andamento storico. Trend inverso per le piogge, con appena 30 millimetri contro i 92 abituali del mese. Un fenomeno che conferma l’allarme lanciato dalla Nasa, l’agenzia spaziale americana, secondo la quale il 2016 si avvia a togliere al 2015 il primato di anno più "bollente" mai registrato sulla Terra. Si tratta di una conferma, secondo Coldiretti, dei cambiamenti climatici in atto che rischiano però anche di manifestarsi con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi, a partire da precipitazioni brevi e violente accompagnate anche da grandine con pesanti effetti sull’agricoltura. Di fronte al ripetersi di queste situazioni imprevedibili, conclude la Coldiretti, diventa sempre più importante il crescente ricorso all’assicurazione quale strumento per la migliore gestione del rischio.L'agricoltura è, del resto, l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli. Si tratta però di una sfida per tutti che può essere vinta solo se si afferma un nuovo modello di sviluppo più attento alla gestione delle risorse naturali nel fare impresa e con stili di vita più attenti all'ambiente nei consumi, a partire dalla tavola.

Terremoto San Severino Marche. All'opera nuove squadre per sopralluoghi

20 Nov 2016
205 volte

Si intensifica l'attività di risposta del Comune di San Severino Marche alle necessità

legate al terremoto. Grazie anche alla messa a disposizione di personale da parte della

Regione Emilia Romagna, si stanno organizzando sia gli aspetti tecnici ma anche

quelli legati alla assistenza alla popolazione. Presso gli uffici del Comune si ricevono,

e si stanno organizzando, le richiesta per il Cas, il contributo per l'autonoma

sistemazione, ma anche domande per l’assistenza alberghiera e per l'assistenza

provvisoria in attesa delle verifiche in tutti gli edifici. Da alcune ore sono in azione

numerose squadre di verificatori, sono 17 quelle impegnate per la predisposizione

delle schede Fast. Sono poi al lavoro anche le squadre di verificatori Aedes che

hanno iniziato verifiche e analisi sugli edifici pubblici e nelle Aree Rosse. E' poi

iniziata anche l'attività del nucleo speciale per quanto riguarda le opere provvisionali,

da svolgere da parte Vigili del Fuoco, come gli abbattimenti di strutture pericolose.

“Stiamo lavorando su più fronti dopo l'arrivo del personale messoci a disposizione dal

servizio nazionale del Dipartimento della Protezione Civile - sottolinea il sindaco

Rosa Piermattei, che spiega - Al lavoro dei tecnici per la predisposizione delle schede

Fast e delle schede Aedes, si affianca quello di chi è impegnato nel fornire assistenza

alla popolazione. Stiamo facendo un grande lavoro per ridurre il numero di chi vive,

da giorni ormai, presso i Centri di accoglienza provvisori. Nostro obiettivo è portare

la gente, prima che arrivi il freddo, in altre sistemazioni”.

Il Ministro Lorenzin visita l'ospedale di Camerino

20 Nov 2016
344 volte

Nella città di Camerino, a testimoniare ancora una volta la vicinanza del Governo, è atteso per il prossimo 21 novembre l'arrivo del Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin,la quale visiterà l'Ospedale  Il sindaco Gianluca Pasqui ha ricevuto conferma della visita del Ministro a palazzo Madama in occasione di un convegno tenutosi lo scorso venerdi al quale il primo cittadino ha partecipato in qualità di relatore insieme al presidente del Consiglio Matteo Renzi,ai Ministri Angelino Alfano e Beatrice Lorenzin e all'On. Maurizio Lupi: " Ancora una volta- ha sottolineato Pasqui- è stata ribadita la vicinanza verso la nostra città e ho ottenuto anche un incontro pressoil Ministero della Giustizia per riproporre il progetto di costruzione di un nuovo carcere, ora che la nuova struttura è stata resa inutilizzabile dal sisma". 

Nella serata di venerdì il sindaco di Camerino ha poi partecipato aglieventi di solidarietà organizzati dal Comune e dall'Avis di Pontecorvo ( FR)." Il sindaco della cittadina e il presidente dell'Avis- ha raccontato Pasqui- hanno figli che studiano all'università di Camerino; insieme hanno pensato a due iniziative per raccogliere fondi in favore del  comune e dell'ateneo camerte. Un gesto bellissimo e una serata a cui non sono voluto mancare, in segno di gratitudine verso i pontecorvesi e, simbolicamente, verso tutte le persone che, a vario titolo e in vario modo, ci stanno facendo sentire la loro vicinanza"

 

Dall'Abruzzo solidarietà su quattro ruote per San Severino Marche

20 Nov 2016
105 volte

La solidarietà a favore dei terremotati settempedani viaggia anche su quattro ruote.

Questa domenica 20 novembre la cittadina di Torre de’ Passeri, in provincia di

Pescara, organizza un raduno di auto e moto storiche e sportive per raccogliere fondi

da destinare al Comune di San Severino Marche. L’appuntamento è stato reso

possibile grazie ad alcuni amici dei motori legati all’associazione settempedana

“Gruppo Amatori 500”, presieduta da Giovanni Cavallini. Merito di questa iniziativa

va anche a Paolo Piaggesi, nato a San Severino, un ex ferroviere in pensione che da

tempo vive a Torre de’ Passeri e che insieme ad altri due amici, Carmine Chiola,

maresciallo dei Carabinieri, e Giorgio Di Gregorio, carrozziere, ha pensato di

rinnovare un gemellaggio che con i cinquecentisti settempedani è vivo da tempo.

Il ritrovo sarà in piazza Giovanni XXIII, a Torre de’ Passeri,  alle ore 10.

Seguiranno una colazione e il saluto delle autorità. Poi giro turistico, foto ricordo e,

infine, pranzo sociale.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo