Villa Potenza: autocarro come ariete, rubata cassa di un distributore

18 Gen 2018
120 volte

Furto nella notte ad un distributore di carburante Q8 nella frazione di Villa Potenza di Macerata. Ignoti hanno trafugato la cassa automatica del distributore utilizzando come ariete un autocarro risultato rubato. Sul posto, oltre alle forze dell'ordine sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno provveduto alla messa in sicurezza dell'area, evitando la fuoriuscita dei carburanti dalla colonnina divelta e verificando la stabilità della pensilina che ricopre l'impianto del distributore. In fase di quantificazione l'ammontare del bottino.

 

ariete

Camporotondo di Fiastrone ha le sue 7 casette

18 Gen 2018
35 volte

L’amministrazione comunale di Camportondo di Fiastrone ha potuto finalmente consegnare sette soluzioni abitative emergenziali, le cosiddette casette, ad altrettante famiglie che hanno potuto traslocare in abitazioni più confortevoli di quelle in cui si trovavano fin ora. Tutti gli assegnatari infatti risiedevano già nel territorio comunale, qualcuno in roulotte da 15 mesi.

Prima della consegna - spiega il sindaco Emanuele Tondi, abbiamo verificato le condizioni con la ditta che le ha costruite ed effettuato un collaudo. Non ci sono state sorprese, sono risultate confortevoli e funzionali in un’area urbanizzata egregiamente, hanno determinato una generale soddisfazione da parte degli assegnatari”.

Oltre al sindaco Tondi e all’ufficio tecnico comunale, la consegna è avvenuta in presenza delle ditte CNS e Cagnini e il direttore dei lavori dell’Erap. Tuttavia, nessuna cerimonia, nessun taglio del nastro e nessuna fascia tricolore: “è stato un parto e pure qualcosa in più - commenta Tondi -. Sono obbligatorie le scuse per la lunga attesa e si ringrazia per la cortese pazienza. Se queste cassette fossero arrivate in tempo, in emergenza, una cerimonia si sarebbe potuto farla ma in queste situazioni, dopo un anno e tre mesi, si consegnano e basta. Non penso fosse il caso di fare cerimonie. Con l’arrivo delle Sae è finita un’emergenza - aggiunge - ma se ne riapre un’altra perché il 31 gennaio diversi cittadini che hanno pensato di sistemarsi in maniera autonoma e di costruirsi una struttura temporanea nei propri terreni, saranno fuori legge e stiamo cercando di risolvere anche questa problematica”.

g.g.

Casette, a Valfornace solo promesse. La protesta del sindaco Citracca

17 Gen 2018
34 volte

Promesse tante, fatti pochi. Anzi per niente. A Valfornace non è stata consegnata nessuna casetta per gli sfollati del terremoto.

“La mia è una constatazione. Noi – spiega Massimo Citracca - abbiamo atteso con pazienza, senza far troppo rumore, magari andando a bussare alle porte della Regione e raccomandandoci alle ditte che hanno iniziato i lavori. Abbiamo aspettato: le prime date parlavano di ottobtre e nel frattempo siamo arrivati a Natale. Abbiamo fatto una riunione lunedì scorso: sembra che le prime Sae, se il tempo non sarà inclemente, saranno consegnate i primi giorni di febbraio, per le ultime non ci sono indicazioni temporali. Io raccomando a tutti che i lavori vengano fatti in una maniera veloce, precisa, in modo da far rientrare i nostri cittadini, che hanno gli stessi diritti degli altri dell'Alto maceratese che si trovano gia nelle Soluzioni abitative di emergenza. E' dura far digerire l'emergenza che dura da 15 mesi a chi vorrebbe rientrare, avere un po di intimità e ricostruire i nuclei originali in strutture consone. Stare in hotel e in un albergo non è facile”.

I sindaci hanno davvero le mani legate?

“Sulle casette, i sindaci – evidenzia Citracca - hanno scelto le aree dove posizionare le Sae, che a volte non sono risultate non proprio idonee, per cui è è stato necessario fare dei lavori di messa in sicurezza piuttosto impegnativi. A volte ci hanno pensato Erap e Regione a fare la progettazione, appalti e lavori. Qualche cittadino pensa che la colpa sia dell'Amministrazione che non ha fatto abbastanza. Io sono sempre sul campo. Si cerca di avere risposte e soluzioni da chi ci sta sopra. Questo forse non è bastato. Noi ci mettiamo la faccia, ma senza avere colpe”. 

Emergenza vento, ora la conta dei danni

17 Gen 2018
39 volte

Per la seconda volta nel giro di pochi giorni la provincia di Macerata è stata spazzata dal un fortissimo vento, che ha imperversato in modo particolare sull'entroterra e sull'Alto maceratese. L'intervento più impegnativo i vigili del fuoco lo hanno messo in atto a Macerata. In via dei Velini le sferzate di Eolo avevano scoperchiato circa metà del tetto condominiale dalla guaina posta a

protezione del tetto stesso.

L’intervento delle squadre dei Vigili del Fuoco è servito per la rimozione e

messa in sicurezza del materiale bituminoso e dei mattoni e cemento facenti parte del cornicione. Anche altri centri della provincia sono stati interessati dalla furia del vento. Nella notte appena trascorsa, i vigili del fuoco sono stati chiamati per la caduta di alberi, anche di alto fusto e rami sulla sede stradale, con ostruzioni parziali alla circolazione veicolare e pedonale. A Passo di Treia, alcune piante sono state abbattute dalle raffiche e sono finite nel giardino di una scuola dove sono stati collocati i container per gli studenti. Non si sono registrati danni a persone o cose. 

Forte vento e disagi. A Camerino una pianta si abbatte su un'auto. Nessun ferito

17 Gen 2018
2142 volte

Alberi e rami crollati sulle strade, danni a coperture, tegole pericolanti Sono solo alcuni dei particolari di una nottata all’insegna delle forti raffiche di vento che hanno spirato sulle Marche fino a 80 km orari, dall’entroterra alla costa. Numerosi gli interventi delle squadre dei Vigili del fuoco coordinate dal Comando provinciale di Macerata per la rimozione e messa in sicurezza delle sedi stradali e per arginare le situazioni di pericolo. Non si registrano feriti. Piante e rami crollati hanno richiesto più interventi per tutta la notte anche da parte dei Vigili del fuoco del distaccamento di Camerino: in località Ponte della Cerasa, una pianta è caduta su un’ auto Fiat Doblò che si trovava a transitare sulla strada, proprio in quel momento. Danni all'auto ma nessuna conseguenza per il conducente.  Interventi per una quercia secolare abbattutasi sulla strada per Rocca d’Aiello;  problemi anche a Castelraimondo e Seppio. Le forti raffiche hanno creato problemi alle linee internet e fibra, con interruzioni del servizio che interesserebbero una vasta zona, per ripristinare il quale i tecnici Tim sono già al lavoro. Sempre a Camerino la furia del vento ha provocato non pochi danni nella zona del Seminario arcivescovile. Ad essere particolarmente interessata dai fenomeni l'area adibita e utilizzata come sgambatoio per gli amici a quattro zampe con piante sradicate, bidoni rovesciati, porte divelte nelle strutture adiacenti. Notevoli i disagi anche per i commercianti ospitati all'interno del maxi tendone del City Park in via Madonna delle Carceri. Danni anche alle strutture di Unicam dove le forti raffiche hanno scoperchiato il tetto dell'edificio che ospita la facoltà di Biologia.

 

biologia

 

IMG 20180117 WA0000

 

IMG 20180117 WA0003

 IMG 20180117 WA0002IMG 20180117 WA0001

 C.C.

Servizio in aggiornamento 

"Furbetto ” del cartellino all'Ospedale " timbrava e andava fare shopping.

16 Gen 2018
2922 volte

Curiosità e "caccia" al nome per l'assenteista, dipendente dell’Area Vasta 3, in servizio all’Ospedale di Camerino, scoperto, dopo una serie di pedinamenti, dalle Fiamme Gialle camerti.

Denunciato per truffa aggravata, peculato e interruzione di pubblico servizio. Si tratta di un uomo di 52 anni , originario di Camerino.

Timbrava il cartellino ad inizio turno, per poi allontanarsi per ore dall’Ospedale senza alcuna autorizzazione, né tantomeno con qualcuno che lo sostituisse, per recarsi a fare la spesa, intrattenersi presso un agriturismo della zona, o ancora per tornarsene a casa e fare rientro nel nosocomio solo all’orario di fine turno per la timbratura di fine giornata.

Al fine di ricostruire i suoi movimenti, i finanzieri hanno effettuato una serie di servizi di appostamenti e pedinamenti nelle giornate in cui risultava a lavoro, atti a disvelare tutti i suoi spostamenti, documentandoli mediante riprese video e fotografiche.

Tali attività hanno permesso di accertare che il soggetto, durante lo svolgimento di turni lavorativi, sia mattutini che pomeridiani, si allontanava per ore dal luogo di lavoro, talvolta anche con il mezzo dell’amministrazione sanitaria, senza timbrare il cartellino e senza autorizzazione.

Si trattava di incombenze che, però, nulla avevano a che fare con l’attività ospedaliera, tra cui recarsi a fare la spesa, prelevare i figli da scuola ed accompagnarli a casa restandoci fino a sera, recarsi presso agriturismi nella zona di Camerino e così via.

( FOTO Agenti della Finanza camerte )

finanza

In questo modo, sottraeva, di fatto, indebitamente, numerose ore di lavoro all’Ente, per destinarle a scopi strettamente personali. Quanto appurato dai finanzieri veniva confermato dall’acquisizione dei tabulati delle presenze giornaliere presso l’ASUR e anche da un controllo su strada, appositamente effettuato al soggetto in un orario in cui avrebbe dovuto trovarsi in Ospedale.   

Inoltre, dagli accertamenti esperiti è emerso che il soggetto in argomento, quale operaio specializzato, riveste un incarico di particolare responsabilità, in relazione al quale, in casi di bisogno, è richiesto un tempestivo intervento, volto ad evitare possibili conseguenze e rischi all’incolumità di persone e di pazienti ospiti dell’Ospedale.

L’assenteista, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Macerata per i reati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, peculato ed interruzione di pubblico servizio.    

La lotta all’illegalità nella Pubblica Amministrazione costituisce una delle priorità della Guardia di Finanza, a tutela della Spesa Pubblica e dei cittadini onesti.

G.G.

Muccia- Consegna di 14 Sae a Massaprofoglio

16 Gen 2018
658 volte

Nuovo segnale di ripartenza per il comune di Muccia. Il prossimo sabato 20 gennaio, è infatti prevista alle ore 11  la consegna di 14 casette nella frazione di Massaprofoglio.

“ Quello che più ci interessa- afferma il sindaco Baroni- è che le persone possano tornare a casa e ricostituire la propria intimità. Daremo la possibilità di un tetto stabile, anche se provvisorio, ad altrettanti nuclei famigliari, contribuendo a far rivivere Massaprofoglio, purtroppo gravemente danneggiata dal sisma. Una bellissima frazione, curata dal comune, amata e  tenuta in ordine, in particolare, dagli stessi abitanti.  Incrementiamo i numeri delle consegne, con la speranza di riuscire a completare anche tutta l’area di Piani di Giove; la zona B dell’area- precisa-  è già a posto e, con le imminenti nuove consegne, presto saremo in grado di ultimare quel che resta. Quanto all’area di Varano- spiega il sindaco – la consegna delle Sae avverrà intorno alla metà del mese di febbraio. Prossimamente predisporremo anche la base sulla quale sorgerà la chiesa che, donata dal CNS, ci auguriamo di poter inaugurare per Pasqua. Un locale dove poter celebrare le messe che, anche se provvisorio, contribuirà a riunire la comunità diventando un punto di riferimento per tutti”. 

C.C.

Tolentino, iniziata la demolizione del palazzo simbolo del sisma

15 Gen 2018
100 volte

Sono iniziate questa mattina le operazioni di demolizione dell’edificio danneggiato dal sisma che si trova tra via Ciappi e piazzale Porcelli, di fronte alla Casa di Riposo.

L'abitazione è una delle più danneggiate del quartiere Cappuccini e fin da subito era apparso chiaro che la struttura dovesse essere abbattuta. La casa aveva riportato danni  già dalle prime scosse dell’agosto 2016 e si è irrimediabilmente aggravata con il terremoto del 26 e del 30 ottobre ed era diventata uno dei simboli della “Tolentino ferita dal sisma”.

Dopo la messa in sicurezza di tutta la zona, gli operai hanno iniziato le operazioni di smantellamento dello stabile. Si procede con molta attenzione per non danneggiare e creare problemi alle abitazioni vicine e quindi in tutta sicurezza la prima fase ha interessato la romozione delle parti del tetto per poi proseguire con le porzioni in muratura dei vari piani. Tutte le macerie saranno trattate dal Cosmari. 

 

ciappi 9

Il musical "Grease" per le popolazioni del sisma

15 Gen 2018
202 volte

La solidarietà passa anche attraverso lo spettacolo. Infatti, per l'appuntamento della Compagnia della Rancia “Grease”, in programma per sabato 20 e domenica 21 gennaio al teatro Don Bosco di Tolentino, alcuni biglietti sono stati messi a disposizione dei residenti dei Comuni di Visso, Castel Sant'Angelo sul Nera e Bolognola partner del Comune di Tolentino nel progetto "Popolazione di Fenomeni" e inserito nell'ambito del progetto "Marche in vita - Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma". Lo spettacolo è infatti dedicato alle popolazioni dei comuni del cratere e colpiti dal sisma. E nel giro di poche ore, i biglietti sono andati a ruba e non ci sono più posti disponibili. Nessuno ha voluto perdersi il celebre musical diretto da Saverio Marconi, che verrà messo in scena con un particolare allestimento negli spazi del teatro Don Bosco. 

Unicam: Passi in avanti per il lotto 1 del nuovo studentato. Quasi pronti 5 edifici

15 Gen 2018
774 volte

Proseguono senza sosta i lavori per il "nuovo studentato" dell’Università di Camerino, la cui realizzazione sta rispettando le tempistiche indicate e aggiornate ad ottobre 2017. Visibili ormai anche dalla strada gli edifici a due piani che sorgono nel terreno attiguo all’attuale Campus. A verificarne costantemente lo stato d’avanzamento, il rettore Claudio Pettinari. “ Si sta pian piano avvicinando al termine il primo lotto, costituito da cinque edifici per un totale di 120 posti letto- dichiara il prof. Pettinari- Attualmente si stanno piazzando gli ultimi due edifici e, contemporaneamente, si sta celermente procedendo ai lavori per la messa in funzione dei primi tre, con la realizzazione degli impianti. In settimana- aggiunge il rettore- partiranno anche il terzo, quarto e quinto lotto che ci consentiranno di completare al più presto tutta l’opera, con il piazzamento di altri 15 edifici per una capienza di circa 150 posti letto. Come ateneo, in contemporanea si sta procedendo al “casermaggio” e agli arredi delle strutture e, non appena ultimata l’operazione, saranno messe a disposizione degli studenti. Gli edifici - sottolinea Pettinari- sono assolutamente di alto pregio e di qualità certificata, garantiti per lungo tempo. Si tratta di strutture in legno ben costruite e confortevoli che offrono allo studente, non solo la possibilità di un posto letto ma anche di cucinare, studiare, viverci e socializzare. Ognuno degli edifici, contiene 4 appartamenti composti ognuno da tre camere, e annessi bagno e cucina.

IMG 20180115 170500

Quanto al nuovo polo tecnologico di via Madonna delle Carceri- conclude il rettore Unicam – i nostri progettisti stanno lavorando intensamente e incessantemente.  Dovremmo riuscire a completare il progetto entro la fine del prossimo mese di febbraio, dopodiché, verrà sottoposto all’approvazione dell’amministrazione comunale di Camerino e degli organi regionali. Una volta raccolte le valutazioni positive dei due enti, potremo procedere alla gara d’appalto”. 

Carla Campetella

Bilancio 2017 Carabinieri forestali :91 illeciti penali e 60 sequestri

15 Gen 2018
35 volte

Cinque falchi pellegrini, 21 pellami di rettili tra cui pitoni, 22 tartarughe, una zanna di elefante da 1,5 metri. E' una parte degli esemplari di specie protette sequestrati  nelle Marche dai nuclei Cites di Ancona e Fermo dei Carabinieri Forestali nel corso del 2017. Ad illustrare il bilancio dell'attività è statoil comandante regionale, col Fabrizio Mari. .Nel 2017 sono stati accertati 91 illeciti penali e 571 amministrativi per un valore di 270 mila euro. Eseguiti 60 sequestri e 30 perquisizioni, 55 le persone denunciate. Per il contrasto al bracconaggio, 6.000 sono stati i controlli svolti dai Nuclei di polizia ambientale e forestale, scoprendo 83 illeciti penali ed eseguendo  53 sequestri. Ad Ancona sono stati bloccati 1.200 capi di selvaggina congelati diretti a un ristorante, oltre a 30 armi da fuoco e più di 100 kg di carni di cinghiale e capriolo.

Nel corso della conferenza è stato anche presentato il calendario 2018, 'Un mondo che cambia', dedicato a specie in via d'estinzione.

Pieve Torina- In settimana la consegna delle ultime 27 casette

15 Gen 2018
966 volte

Con la consegna delle ultime 27 casette prevista in settimana, il comune di Pieve Torina chiude definitivamente la partita delle 208 Sae, destinate alla popolazione. “Obiettivo raggiunto-commenta il sindaco- Siamo riusciti a dare un ricovero a quanti ne avevano fatto richiesta. Pur tra mille difficoltà, ci siamo dati da fare; eravamo arrivati a 181 casette consegnate nel 2017 e, rispetto alle previsioni iniziali, con gli ultimi lavori che hanno richiesto opere aggiuntive per la presenza di una frana e per l’esserci imbattuti in una falda acquifera, i tempi non hanno subito comunque rilevanti dilatazioni. Siamo dunque già proiettati nell’opera di ricostruzione e verso la politica degli abbattimenti, senza dover spendere due volte, adottando quella dei puntellamenti”.

Dopo le festività natalizie, l’attività scolastica dei circa 100 alunni di elementari e medie, è potuta riprendere nella nuovissima struttura ecosostenibile, al centro del paese. Nel corso degli ultimi giorni, numerose sono state le visite all’edificio, da parte di personale esperto in costruzioni. I professionisti del settore, hanno voluto  rendersi conto di persona del risultato raggiunto e della tipologia di struttura, giudicandola come il fiore all’occhiello degli edifici scolastici delle Marche e di tutto il centro Italia.

“ Orgogliosi di quello che siamo riusciti a realizzare grazie ai donatori – sottolinea il sindaco- Orgogliosi della fantasia e della voglia di non arrendersi e crederci che reputo siano gli ingredienti giusti per far rinascere il territorio. E’ con altrettanta forza che ci proiettiamo verso il ritorno ad una condizione di ‘normalità’, migliorando le case, rendendole sicure, antisismiche, confortevoli, augurandoci, il prima possibile, di poter riuscire a rientrare nella nostra privacy”. 

Carla Campetella 

Tolentino, "rivive" l'albero di Natale nel Parco della Pace

15 Gen 2018
26 volte

L’albero di natale che durante tutto il periodo delle feste natalizia era stato installato in piazza della Libertà, come tutti gli anni, grazie al fatto che era stato conservato l’apparato radicale, è stato piantumato nell’area di sgambamento cani, nei pressi di piazza La Malfa, all’interno del Parco Pace.

I giardinieri dell’Ufficio manutenzioni del Comune di Tolentino hanno provveduto a spostare l’albero e a piantarlo nella parte più alta del giardino riservato agli amici a quattro zampe. L’auspicio è che le radici attecchiscano bene e che l’albero trovi adeguata la nuova sistemazione.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo