La Croce verde di Civitanova dona un defibrillatore a San Severino

03 Ago 2017
69 volte

La Croce Verde di Civitanova Marche ha consegnato un defibrillatore al Comune di San Severino Marche grazie a una raccolta fondi il cui ricavato ha permesso la donazione di 18 strumenti salvavita a diversi Comuni dell’area cratere del sisma.

A ricevere il macchinario di ultimissima generazione è stato l’assessore comunale allo Sport, Paolo Paoloni.

Il defibrillatore sarà probabilmente collocato in una delle scuole comunali o in una delle strutture che solitamente ospitano eventi e manifestazioni. Le strutture sportive settempedane, infatti, sono tutte dotate di tale importantissimo impianto. Prima dell’installazione, si tratta comunque di un apparato mobile, sarà necessario attivare i collegamenti telematici in remoto con una centrale operativa pronta a gestire le emergenze e formare il personale che verrà dedicato all’utilizzo del defibrillatore stesso.

Lo Sferisterio tempio della disco music con Amii Stewart

03 Ago 2017
212 volte

Amii Stewart è l’attesa protagonista di un grande concerto di dance music degli anni 70 all’Arena Sferisterio di Macerata il prossimo 29 agosto.

La leggendaria “Knock on wood” compie 40 anni ed Amii Stewart offrirà al grande pubblico dello Sferisterio di Macerata la sua hit planetaria ed il meglio della Dance Music con un imperdibile omaggio a Donna Summer.

Un grande show targato Anni 70 dal titolo: “Dance Era”, uno spettacolo unico che farà rivivere l’inconfondibile sound della “disco music” degli anni settanta, l'energia e la magia di quel periodo con i suoni e gli arrangiamenti della  grande orchestra del Maestro Gerardo Di Lella e la Pop O’rchestra.

Gerardo Di Lella, uno dei più creativi e versatili direttori italiani, con la sua orchestra ha diretto i più importanti artisti internazionali tra gli ultimi: Tony Hadley, Dianne Schuur  e Gloria Gaynor, proporrà uno show indimenticabile il prossimo 29 agosto con una delle voci più conosciute e amate della musica internazionale. Ad impreziosire l’evento della data dell’Arena Sferisterio di Macerata, una ricorrenza speciale: i 40 anni dalla pubblicazione della canzone “Knock on Wood”, che, nell'interpretazione di Amii Stewart divenne la hit planetaria che conosciamo tutti: l'artista americana, alla fine del 1977, raggiunse il primo posto nella Billboard Hot 100 con una vendita che raggiunse in quel solo anno oltre 8 milioni di copie.

Lo Sferisterio si tingerà dei suoi colori più sfavillanti e diventerà per un’ imperdibile magica notte il Tempio della “Disco” grazie alla Pop O’rchestra composta da 22 elementi, 9 fiati, ben 6 cantanti e doppia ritmica diretta dal Maestro Gerardo Di Lella, ideatore e regista dello show, che riproporrà l’atmosfera originale dei brani più celebri ed emozionanti di quegli anni.

Sarà anche la notte dell’omaggio di Amii Stewart all’indimenticabile Donna Summer, "The Queen of Disco", con un emozionante medley, a cinque anni dalla sua scomparsa: un appuntamento imperdibile per un’immersione nel magico sound che ha fatto e tutt’ oggi fa ballare e sognare intere generazioni.

Risorgi Marche:" Quello che la musica può fare": Successo per Max Gazzè a Montelago. Attesa per gli ultimi due concerti

02 Ago 2017
1852 volte

Quello che la musica può fare “: richiamare oltre cinquemila persone per assistere al concerto di Max Gazzèsull’altopiano di Montelago, a confine tra i comuni di Serravalle e Sefro. Ancora un immenso scenario della bellezza dei parchi montani, a fare da sfondo alle circa due ore di musica offerte dal cantautore romano e da  una collaudata band di musicisti: Clemente Ferrari, al pianoforte, Arnaldo Vacca alle percussioni, Giorgio Baldi alla chitarra elettrica, Max  "Dedo" De Domenico a  trombone e percussioni, Cristiano Micalizzi alla batteria,  Francesco De Nigris alla chitarra.

IMG 20170802 173423289 800x600

“Doveva essere un concerto acustico ma è diventato un concerto di folk apocalittico” ha detto il bassista e cantautore romano che, per proteggersi dal sole battente, ha  dovuto indossare un cappello .  Pensieri ed emozioni in libertà, suggerite da vecchi e nuovi successi, con l’alchimia dei testi del Max Gazzè, che sa stuzzicare con le parole ed offrire cocktail effervescenti di ritmo.

Pubblico MG

Due ore scivolate via piacevolmente, tra le battute scherzose e la voglia di partecipare del pubblico, organizzatosi in ogni modo per esserci e per sconfiggere la calura. C’è chi non ha voluto perdersi nemmeno un appuntamento del Festival che, con l’idea di fondo di rilanciare le terre colpite dal sisma, si avvia con successo al suo sprint finale. E  non poteva essere altrimenti, perché la musica è davvero il linguaggio universale,  capace di unire la gente di ogni paese, offrendoti un semplice motivo per stemperare malinconie e disagi e prendere  “ La vita com’è”.  

IMG 20170802 172618906 800x600

IMG 20170802 182059321 800x600 800x600

Sulle note leggere, allegre e spensierate dei brani dell’artista, il via dei cori e dei balli improvvisati, sono riusciti a trasmettere quel chiaro messaggio che, anche solo per lo spazio di un pomeriggio, “la musica ti può salvare sull’orlo del precipizio”.

IMG 20170802 174614997 800x600 800x600

 Spumeggiante come sempre Neri Marcorè , che dalla partecipazione in massa, anche da Montelago ha ricevuto una  risposta affermativa di attenzione nei confronti della sua amata regione. 

Marcore 800x600

Un pezzo di strada a piedi e poi di nuovo tutti seduti per ascoltare i due ultimi grandi nomi di Risorgi Marche: Francesco De Gregori,  nel suo unico live per l’estate, questo giovedì alle ore 18.00  a Macereto, insieme a Gnu Quartet e Form, Orchestra Filarmonica Marchigiana che si esibirà con 40 elementi; ultima data del Festival di solidarietà quella di venerdi 4 agosto a Pian dell’Elmo con il concerto acustico di Samuele Bersani e la sua band.

Carla Campetella

IMG 20170802 234400 800x721

IMG 20170802 WA0001 800x593

IMG 20170802 234031 751x478

IMG 20170802 WA0002 800x593

Camerino, la storia infinita di Viale Seneca e del Palazzo “Tofee”

02 Ago 2017
598 volte

Riprendiamo testualmente dalle cronache recenti: “In città in termini di demolizione è stato fatto poco o niente: ci siamo preoccupati di puntellare gli edifici sostenendo costi inaccettabili per i cittadini. Quando verranno rese pubbliche le cifre per le mancate demolizioni e per le messe in sicurezza avremo delle amare sorprese. Quindi, a causa di questo comportamento discutibile non poco e pure un po' vergognoso, c’è il paradosso di chi resta fuori casa perché una casa non ce l’ha più, e chi invece rimane senza casa perché un edificio vicino, non abbattuto e magari in attesa di demolizione, resta lì, così com’è, da mesi, rappresentando un pericolo indotto. Ma può essere?”.

Dal 26 ottobre sono passati ormai 9 mesi, ma il tempo in Viale Seneca sembra essersi fermato: la chiusura della strada crea gravi disagi alla popolazione e alla circolazione.

La cosa è a dir poco scandalosa. Ci chiediamo cosa sia successo in questi mesi.

Il Palazzo, per intenderci dove aveva la propria sede la pasticceria “Toffee”, non è stato demolito né è stato messo in sicurezza, il che comporta che sia ancora ricompreso in zona rossa.

Ci sono famiglie che hanno la propria abitazione nei pressi del palazzo che non possono rientrare nella loro casa agibile: questa inerzia determina un grave disagio per tali famiglie ed è uno sperpero di denari pubblici, visto che coloro che hanno l’inagibilità indotta percepiscono giustamente il contributo per l’autonoma sistemazione – CAS.

Il Sindaco non ha ancora deciso il da farsi: la palazzina è da demolire o meno?

Sembra che i tecnici comunali abbiano fatto una relazione dove si attesta che il palazzo non sia da demolire, ma tale relazione è stata contestata dai condomini. Non vogliamo entrare nel merito della questione tecnica, ma vogliamo sottolineare che il Sindaco ha adottato la solita tattica conservatrice: la politica dell’immobilismo, pur avendo a disposizione una serie di strumenti per affrontare le problematiche in modo efficace e soprattutto con tempismo, al fine di superare i gravi disagi alla viabilità e ai residenti.

In molti si chiedono come mai il Sindaco non abbatta nessun immobile, nemmeno le palazzine dove sono gli stessi proprietari a chiedere tale misura, come in questo caso.

E’ difficile dare una spiegazione.

Un primo indizio sembrerebbe rivelarsi dalla lettura, tra le righe, dell’ultima intervista rilasciata dal Sindaco Pasqui e pubblicata su L’Appennino Camerte del 27 luglio scorso: il primo cittadino, nel fare un bilancio dell’attività fin qui svolta, dichiara testualmente che “pur non abbassando la guardia che dovrà essere mantenuta alta anche da chi nei prossimi anni mi succederà nell’amministrazione, possiamo dire che la fase dell’emergenza è stata tutta formalizzata”.

Viene il dubbio che ormai il nostro Sindaco abbia la testa altrove … pensando ad una carriera politica che vada verso altri lidi (verso Roma, direzione Ancona?). Quanto ci sta costando l’interesse personale del primo cittadino?

Comunità e Territorio

Gruppo Consiliare Comune di Camerino

Si ribalta con l'auto, grande spavento per il Cardinale Menichelli

02 Ago 2017
318 volte

Grande spavento per il Cardinale Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona – Osimo, rimasto coinvolto in un incidente stradale nella serata di lunedì 1 agosto. Il presule stava rientrando da San Severino, insieme al Vicario generale mons. Roberto Peccetti, quando l'auto, una Nissan Qashai guidata dal Cardinale, è uscita di strada ribaltandosi su un fianco. La causa dell'incidente sembra sia stato l’abbaglio di un’auto che in senso contrario procedeva a fari alti.

Immediatamente avvertito si è recato sul posto il parroco di Filottrano don Carlo Carbonetti che, dopo gli accertamenti di rito, ha riportato a casa i due occupanti il mezzo. Tanto spavento, ma nessuna conseguenza per mons. Menichelli e mons. Peccetti.

A mezzanotte l’Arcivescovo era già in episcopio ad Ancona. Nella mattinata mons.Peccetti, come già programmato, ha celebrato la s. Messa a Forano di Appignano in occasione della ricorrenza del “Perdono d’Assisi”. Il Cardinale ha continuato in episcopio la sua attività come gli altri giorni.

Molte le telefonate di amici e confratelli che, appresa la notizia, hanno voluto sincerarsi delle condizioni di salute dell'Arcivescovo.

Jesi, giovane in manette per spaccio di stupefacenti

02 Ago 2017
78 volte

Ancora un risultato raggiunto dai Carabinieri della Compagnia di Jesi, al comando del Maggiore Iurlaro, nella lotta al traffico degli stupefacenti.

Gli uomini del nucleo operativo e radiomobile, guidati dal Maresciallo Roberto Scarpone, notavano per le vie del centro di Jesi un ciclomotore con due giovani a bordo, il cui passeggero si girava insistentemente quasi a voler verificare le mosse dell’autoradio.

I militari, insospettiti dall’atteggiamento del giovane, decidevano di procedere ad un minuzioso controllo.

Alla guida veniva identificato un minorenne, mentre in qualità di passeggero un giovane cittadino bengalese di 19 anni, già noto alle forze dell'ordine, che, alla richiesta dei documenti, manifestava un forte stato di agitazione.

Condotto in caserma e sottoposto a perquisizione gli veniva trovato indosso, nascosto all’interno degli slip, un involucro di cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana. La successiva perquisizione domiciliare portava alla scoperta di altri 60 grammi della stessa sostanza, nonché materiale vario per il confezionamento.

Così il giovane extracomunitario veniova arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Camerino- “ Zona Rossa “. Presto la riconsegna di piazza Cavour e delle vie principali

01 Ago 2017
3219 volte

Proseguono i lavori nel centro storico di Camerino al fine di ridurre la cd.”zona rossa”. Riaperto da pochi giorni anche un tratto di via Ugo Betti, accessibile da Porta Caterina Cybo.

“ Stiamo portando avanti un lavoro in maniera molto importante- spiega il sindaco Pasqui  – La “zona rossa” di Camerino è talmente vasta e lesionata che meritava un tempo di lavoro di un certo peso, ciò nonostante, stiamo riacquistando giorno per giorno pezzi di città. Da qui a qualche giorno avrò un quadro completo che deriverà dalle autorizzazioni che la Regione deve darci e, sulle quali, dobbiamo onestamente ragionare, dal momento che alcune di esse  andranno a consentire un’apertura significativa del percorso. Ritengo che da qui a una decina di giorni, saremo in grado di fornire anche delle date- aggiunge Pasqui- Riapriremo piazza Cavour e parti importanti del centro, con le vie principali che verranno riconsegnate ai cittadini. La valenza di questo discorso è davvero considerevole, perché significa che si chiude la prima parentesi delle messe in sicurezza e si apre l’altra parentesi altrettanto importante della ricostruzione e, per alcuni cittadini, anche il rientro nelle loro abitazioni, in quanto non lesionate. Direi dunque di darci una decina di giorni per iniziare con una mappatura reale e cartografica della situazione della città. Quel che è certo è che si sta camminando ad un ritmo molto spedito e, se si considera la grandezza della città, non solo senza aver perso un’ora di tempo, ma con dei risultati rilevanti. Non essendo visibile agli occhi dei più quello che all’interno della città si sta facendo, non potendo vedere  quanto è stato definito e deciso su carta, capisco la preoccupazione dei cittadini,  tuttavia,  assicuro che da qui ad un numero di giorni nemmeno troppo lontano, il lavoro potrà essere percepito concretamente. Mi meraviglio solo del paragone con comuni più piccoli  -chiude il sindaco- Credo e intendo sottolineare che ogni comune sta facendo il massimo per quello che è, e, per le situazioni che ha; invito a non fare paragoni con altre realtà, semplicemente nel rispetto delle nostre situazioni”.

Ospedale Camerino Presentato il nuovo primario di Ortopedia. E' il dott. Remo Di Matteo

01 Ago 2017
2404 volte

Il dottor Remo Di Matteo, medico chirurgo specialista in Ortopedia e Traumatologia,  è  il nuovo primario di  Ortopedia del presidio ospedaliero di  Camerino.  Nato a San Benedetto del Tronto, Di Matteo ha 41 anni e, da oltre undici è di ruolo all’ospedale di Macerata.

Tra pochi giorni verrà adottata la determina formale dell’Area Vasta 3 con la quale verrà nominato.Si insedierà a settembre - ottobre 2017. Il posto di Unità Operativa Complessa del presidio ospedaliero camerte, era vacante dal 1 marzo 2015 dopo il pensionamento del primario dott. Testiccioli.

La presentazione ufficiale è avvenuta nel corso di una conferenza stampa presso il Centro Operativo Comunale, alla presenza del direttore dell’Area Vasta 3 Maccioni, del sindaco Pasqui, del presidente dell’Unione Montana e sindaco di Pieve Torina Gentilucci e dei direttori del Presidio Unico Palazzo, del personale Trobbiani e delle Professioni sanitarie infermieristiche Buccolini.

IMG 20170731 122220186 800x600 800x600

 

“ Ortopedia è per tradizione un’eccellenza delll’ospedale di Camerino- ha detto Maccioni- Con il dottor Di Matteo si proseguirà un percorso in crescita, di ulteriore sviluppo e di conferme per il reparto. Gestito ottimamente finora, il reparto non è stato mai in disarmo; oggi risolviamo non solo il problema della nomina di un primario ma possiamo altresì contare su un’unità aggiuntiva e operativa. Un primario giovane, pieno di energie ed entusiasmo, dotato dell’ambizione corretta per portare avanti le persone e il reparto. Essendo un’Area Vasta- ha aggiunto il direttore- ci dovremmo sempre di più integrare e specializzare per riuscire a dare tutte le risposte di cui necessita l’Area Vasta sanitaria e ciò vale per tutte le discipline mediche”.

IMG 20170731 120857707 800x600 800x600

 

  Soddisfatto dell’essere riuscito a rispondere positivamente alla promessa fatta sin dal primo incontro successivo al suo insediamento avvenuto proprio a Camerino nel 2015, Maccioni, originario di Cingoli, ha tenuto a sottolineare che la montagna è una risorsa e, anche per la sanità, si deve ragionare tenendone conto. “ Appena arrivato alla direzione nominai i due primari di Pronto Soccorso e Cardiologia e, in quella sede feci una promessa al sindaco e alla città; dissi  che avrei proceduto presto anche alla nomina dell’ Unità Operativa di Ortopedia. Il sistema sanitario regionale  si è dunque adoperato per giungere a questo risultato”.

 La parola è passata quindi al dott. Di Matteo, per la presentazione della sua esperienza e professionalità “ E’ la prima volta che vengo a Camerino – ha esordito- e a settembre/ ottobre rivestirò il ruolo conferitomi. Accolgo l’incarico come un onore, e, riconosco l’onere non indifferente di mantenere gli standard qualitativi e quantitativi che l’Ortopedia di Camerino ha offerto e sempre mantenuto negli anni. Ricordo l’incontro che ci fu tra il sindaco Pasqui e il direttore quando, in epoca pre-sismica, venne annunciata e ribadita la necessità di formare un primario per il nosocomio camerte. Il mio lavoro si è svolto finora a Macerata e, - ha precisato - come comunità dell’entroterra montano, interpreto questa nomina come un  segnale forte di rafforzamento dell’identità territoriale, al tempo stesso però bisogna riconoscere l’onere richiesto dall’Area vasta del  confrontarsi su larga scala e solgere un ruolo da attore e non da comparsa affinché Camerino nell’ambito della rete pubblica, abbia una propria identità”.

Il nuovo primario si è laureato e specializzato in Abruzzo; già nel 2000 e per due anni volontario,  ha iniziato a frequentare il reparto di Macerata, Successivamente ha ricoperto incarichi in Abruzzo e poi a Jesi. Nel 2006 è arrivata l’assunzione di ruolo a Macerata.  “ Sono convinto- ha dichiarato-  di trovare un ambiente favorevole ad una progettualità futura. Il reparto è giovane e l’importante è che si vada tutti d’accordo nel perseguire un unico obiettivo. Mi auguro di poter consolidare e rafforzare l’idea che nella popolazione c’è del reparto Ortopedia di Camerino”.

  IMG 20170731 122859605 800x600  

" Con questa nomina il territorio acquisisce un valore aggiunto- così il presidente Gentilucci nel dare il benvenuto del territorio a Di Matteo- Non sono state parole al vento quelle pronunciate nel 2015 dal direttore Maccioni e la presentazione del terzo primario per l'ospedale di Camerino, è indice della volontà regionale, provinciale e locale di voler puntare su questo presidio come servizio alla comunità. La politica comune che portiamo avanti con il sindaco Pasqui è quella di riportare i servizi per riportare comunità. Il che vale a corroborare l'ottica sinergica tra Istituzioni, territorio,sindaci. Un primario giovane significa portare vitalità all'interno del reparto e pensare in grande. Pensare a qualcosa che possa sviluppare quell'eccellenza che già c'è, ma che può crescere ancora. Confidiamo nell'opera produttiva e proficua del dott. Di Matteo nel rispondere alle esigenze dei nostri cittadini".

Oltre che a parole ,il grazie dellla città e del territorio tutto è stato espresso dal sindaco Pasqui anche con l'omaggio di una moneta simbolo della città, consegnata al nuovo primario e al direttore di Area Vasta" Proprio in questo momento che è uno dei più difficili della nostra esistenza- ha osservato Pasqui-  avere questo importante risultato, significa anche avere una maggiore forza nell'affronare il presente, in proiezione futura, per garantire un'esistenza dignitosa e un servizio basilare per le persone di questa terra.Tutta la comunità sono certo che si stringa al dottor Di Matteo in un amorevole abbraccio, nel formulare l'augurio di buon lavoro". 

 

Montecassiano in festa per i 100 anni di Gina Cerolini

01 Ago 2017
73 volte

Montecassiano festeggia un’altra figlia centenaria. Nei giorni scorsi Gina Cerolini ha festeggiato il suo centesimo compleanno circondata dall’affetto dei suoi familiari. A renderle omaggio anche il sindaco Leonardo Catena: “Un traguardo importante per la signora Cerolini che da tantissimi anni vive a Montecassiano, segno anche dell’elevata salubrità della vita in paese e di quanto sia importante l'affetto dei cari, cosa che non hanno fatto mancare i figli e i nipoti di Gina”.

Classe 1917, Gina Cerolini è originaria di Camporota di Treia. Quarta di otto fratelli (quattro uomini e quattro donne), la centenaria ha sempre lavorato sia nei campi sia a casa. Alla fine degli anni ’30 lasciò il suo paese di origine per amore e si trasferì a Montecassiano dove sposò Oreste Giagante. Dalla loro unione nacquero due figli: Andro che oggi ha 74 anni e Gianmario, di 67. Quest’anno a festeggiarla c’erano anche i nipoti Lorenzo, Leonardo, Lucia, Romina e Fabrizio e i pronipoti Rachele di 7 anni e Federico, di 21. Con loro anche la sorella di Gina, Maria, di 87 anni, che vive a Recanati. La semplicità e un grande cuore hanno reso Gina Cerolini tanto amata dai familiari a cui, anche adesso, racconta qualche “strofella” della sua gioventù.

Caldarola, torna la "Giostra delle Castella"

01 Ago 2017
738 volte

Un paese è fatto anche delle sue tradizioni, delle sue radici storiche e di rievocazioni.
Oltre il sisma, con una location totalmente nuova, con un programma un pò cambiato il tradizionale appuntamento con la Giostra de le Castella si svolgerà dal 4 al 6 agosto lungo il viale Umberto I.
Una rievocazione storica nella quale le 5 Castella si contenderanno il palio.
Palio dei bambini, curato dal Nuovo Oratorio Cristo Re, esibizioni di tamburini, sbandieratori, giocolieri, mangiafuoco, danze medievali, accampamento di armati e laboratori medievali per bambini, curati dal gruppo storico la Pandolfaccia di Fano: il tutto per una tre giorni di tradizione, che si concludera domenica 6 agosto con la disputa del Palio, con le Castella di Caldarola, Croce, Valcimarra, Pievefavera e Vestignano che si contenderanno il titolo attraverso il tiro con l'arco, il tiro alla fine e la "Corsa dei Cornuti".
Sempre domenica 6 saranno ospiti il gruppo dei tamburini e sbandieratori del Palio dei Terzieri di Montacassiano. A contorno di tutto ciò, la classica Taverna si trasforma in "Hostaria de La luna". Nella nuova location di viale Umberto I si potranno gustare ottimi cibi tradizionali e locali, con ingredienti interamente acquistati a Caldarola.
A fare da contorno anche una degustazione di piatti tipici della cucina bergamasca, curati da Pro loco, Croce Rossa e Alpini di Urgnano, in provincia di Bergamo.

Sono anche questi i momenti in cui Caldarola rivive.

Camporotondo, far west nella notte al Bar Monia

31 Lug 2017
1042 volte

Clima da far west nell'ormai non più "tranquillo" centro di Camporotondo di Fiastrone, dove si è consumato l'ennesimo episodio criminoso, che sarebbe potuto sfociare in tragedia. A finire nelle mire dei malviventi, tre ragazzi e una ragazza, tutti ospiti di una residenza protetta, il bar-alimentari-tabaccheria Monia dove i 4 sono entrati armati proprio all'ora di chiusura intimando alla donna presente all'interno, che stava facendo le pulizie, di farsi consegnare l'incasso della giornata. Al rifiuto della donna, che poco prima aveva provveduto a consegnare la somma al titolare, sono stati esplosi colpi di arma da fuoco con una pistola ad aria compressa che hanno colpito di striscio la signora ad un braccio. La barista ha anche reagito all'aggressione rovesciando addosso ai quattro qualsiasi oggetto le capitasse a tiro, costringendo i rapinatori a darsi alla fuga. Allerati da alcune persone che, stando all'esterno dell'esercizio, avevano notato la scena sono giunti sul posto i carabinieri della stazione di Belforte del Chienti che, all'altezza del Ponte degli Schiavi, sono riusciti a bloccare la fuga dei malviventi. Addosso ai quattro i militari hanno anche rinvenuto alcuni biglietti gratta e vinci e tabacchi trafugati appena qualche giorno prima dallo stesso bar, che ancora una volta è stato preso di misra dagli stessi soggetti.       

Sibillini, il Parco "torna a casa"

31 Lug 2017
178 volte

Il Parco torna a casa. “Avremo nuovamente, a Visso, una sede operativa per tutto il personale entro la primavera prossima.” A parlare è il direttore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Carlo Bifulco che, con soddisfazione, annuncia l’acquisto da parte dell’ente di un terreno in località Palombare, adiacente alla casa comunale di Visso, dove nei prossimi mesi verrà realizzata una sede temporanea in attesa di poter ritornare ad occupare la sede di Piazza del Forno devastata dal sisma.

“Per noi” prosegue Bifulco “questo è un passo fondamentale per rinforzare una capacità d’azione che non è mai venuta meno, nonostante le difficoltà di una forzata dislocazione dei nostri uffici a Tolentino e Foligno. A breve daremo il via alla progettazione degli spazi e, appena possibile, all’appalto per la costruzione dell’edificio. Allo stesso tempo potremo accogliere le nuove figure professionali che andranno ad ampliare l’organico a disposizione dell’ente grazie all’ordinanza n° 31 del 21 giugno 2017 della Presidenza del Consiglio dei Ministri che consente di assumere, temporaneamente, personale ad hoc per affrontare le esigenze post terremoto.”

Soddisfazione condivisa dal Presidente dell’Ente Parco, Oliviero Olivieri, che molto si è speso in questi mesi per riportare il Parco, fisicamente, nel cuore del problema, nella sua sede originaria: “questa operazione ha un valore simbolico importante, ed è anche un segnale di speranza e di fiducia che vogliamo dare a tutto il territorio: noi ci siamo, siamo sempre stati presenti e a disposizione della cittadinanza, degli operatori, del mondo agricolo e dell’allevamento, dei turisti, dei tanti appassionati di natura. Adesso, con questa proiezione certa di ritorno, che va a definire un quadro che ci vede comunque già presenti anche a Visso con alcune unità oltre ai distaccamenti più strutturati di Tolentino e Foligno, potremo davvero riprendere a lavorare con uno spirito che guardi finalmente all’uscita dall’emergenza.”

Barbarossa Mannoia Marcorè regalano emozioni a Morro di Camerino.

31 Lug 2017
2870 volte

La meraviglia infinita del paesaggio e una vista mozzafiato hanno accolto una delle tappe più emozionanti di Risorgi Marche, festival per la rinascita delle comunità colpite dal sisma.

Ventimila persone sono salite sul Monte Lungo sopra Morro di Camerino per condividere il concerto di Fiorella Mannoia e Luca Barbarossa cui ha fatto da spalla la versatilità dell’attore marchigiano Neri Marcorè.

Di grande impatto visivo e umano l’intero concerto, durato due ore, in una miscellanea di canzoni simpatiche gag e colorito da battute in dialetto locale. “ Siete degli eroi”- così Luca Barbarossi si è rivolto al popolo di Risorgi Marche, evidenziando più volte l’impegnativo cammino per raggiungere l’altura.” Sembrate tanti fiori- ha esclamato la Mannoia ancora emozionata e commossa per l’omaggio della cittadinanza onoraria di Castelraimondo, ricevuto poche ore prima.

IMG 20170731 081312

Stagliato nella vallata, Camerino intanto guardava quell’inconsueto nugolo di persone, sedute di fronte alla sua storia, unite nell’intonare e dedicargli quel verso che molti hanno stampato nella memoria del“ paese mio che stai sulla collina” Due ore in armonia che sono riuscite a stemperare ogni piccolo disagio, dal caldo alla stanchezza, dalla sete all’attesa,  Manifestazioni di grande affetto dai tre protagonisti del palco, con la stessa cantante uscita più volte tra il pubblico a distribuire autografi e a lasciarsi fotografare.

IMG 20170731 081555 1 371x800

FB IMG 1501450777617

Più che uno spettacolo, un abbraccio infinito quello regalato dall’affiatatissimo trio Barbarossa, Mannoia, Marcorè, venuto a ricordarci, a suon di una vecchia canzone dei Rokes che “ sotto una montagna di paura e di ambizioni  è nascosto qualcosa che non muore”.

Carla Campetella

IMG 20170730 185021362 800x600

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo